auto volante
Airbus introdurrà le auto volanti nelle nostre città

Quest’anno potrebbe essere realizzato il veicolo che la fantascienza sogna da quasi un secolo: la macchina volante. Il CEO di Airbus, Tom Enders, ha dichiarato di aver preso il progetto della società “molto seriamente” e si attendono i primi test su velivoli autonomi entro la fine del 2017.

Il progetto Vahana ha avuto inizio nei primi mesi del 2016 come uno dei primi obiettivi della A3, la divisione di base nella Silicon Valley. Per Enders, così come i trasporti urbani erano sotterranei e portarono alla nascita della metropolitana, oggi abbiamo bisogno di prendere in consegna le città della tecnologia. Come mostrato con il prototipo, questo uso di rotori mobili forniscono un decollo verticale e, quindi, riposizionato per il volo.

Alla conferenza Digital Life Design sulla tecnologia, ha spiegato che attualmente il progetto è in fase sperimentale. Si cerca di utilizzare un piano urbano autonomo affinchè gli utenti possano richiedere, attraverso un’applicazione mobile, un aerotaxi e diminuendo di fatto l’impatto sull’ambiente. Inoltre, questi velivoli dovranno essere ecologici per evitare di creare lo stesso problema di inquinamento che c’è per strada a terra.
Airbus è il produttore di elicotteri e aerei più grande del mondo e Enders ritiene che sia dovere della società francese investire per ottenere il massimo dalle ultime tecnologie per “guidarci” verso una nuova era. Quella con le auto volanti. “Se noi ignoriamo questi sviluppi, saremo spinti fuori da importanti segmenti di business”, ha dichiarato l’amministratore delegato.
Finora, Airbus non ha detto quanto si stia investendo nello sviluppo del Progetto Vahana, ma con fermezza seguirà le scadenze fissate: un prototipo di macchina aerea nel 2017 e, nel 2020, la produzioneSe i suoi tecnici risolveranno il puzzle, l’azienda dovrà affrontare la sfida ancora più grande di includere questi nuovi veicoli nel codice di circolazione, in modo che possano volare  lo spazio aereo strettamente regolamentato in tutto il mondo, soprattutto nelle grandi città nelle quali verranno introdotti.