Spotify vuole Obama nel suo team
Un profilo unico per una posizione libera davvero singolare nel team di Spotify

Con un’opportunità di carriera costruita ad-hoc sul suo profilo, Spotify vuole il Presidente Obama nel suo team: un’offerta di lavoro per una posizione davvero unica nel suo genere.

La scorsa settimana il Presidente Obama, in carica fino al prossimo 20 Gennaio, ha organizzato un ricevimento alla Casa Bianca selezionando personalmente gli invitati. Tra gli ospiti c’era anche l’ex ambasciatore svedese Mark Brzezinski, che ha curato il suo viaggio di cortesia in Svezia.

Sto ancora aspettando per il mio lavoro a Spotify […] perché so che avete amato la mia Playlist” queste le parole rivolte scherzosamente all’ex ambasciatore della Svezia. Spotify, realtà svedese con oggi oltre 60 filiali in altrettanti paesi, nell’estate del 2015 propose al Presidente Obama di stilare una playlist presidenziale, dal nome President’s Summer Playlist.

Spotify vuole il Presidente Obama nel suo team

All’interno della playlist, che potete ascoltare a questo indirizzo, ci sono artisti come The Temptations, The Isley Brothers, Sly & the Family Stone, Talib Kweli e altri.

Spotify vuole il Presidente Obama: il profilo ricercato corrisponde perfettamente

Spotify sembra davvero aver preso sul serio le parole del Presidente, ed ha a tutt’oggi una carriera aperta per un profilo che sembra davvero cucito su misura per Obama.
Come possiamo leggere sulla pagina della opportunità di carriera di Spotify i requisiti per il candidato, che ricoprirò il ruolo di President of Playlists sono i seguenti:

  • Avere almeno 8 anni di esperienza nel guida una nazione di altamente considerata
  • Avere familiarità con la piattaforma Spotify, con esperienza nel programmare playlist a livello federale
  • Avere buone relazioni con un ampio numero di artisti e musicisti
  • Parlare appassionatamente delle playlist ad eventi stampa. In tutta sincerità, dovrai essere non meno che uno dei migliori speaker di tutti i tempi
  • Avere un’attenzione maniacale per i dettagli e la consistenza. Capace di lavorare da vicino con gli altri dipartimenti, così che le playlist possano sostenere uno scrutinio pubblico
  • Qualcuno con un buon spirito di gruppo, eccellente etica sul lavoro, un’attitudine in generale amichevole e calorosa, ed un premio Nobel

Non è difficile immaginare chi possa essere il candidato ideale per questa carriera. Spotify vuole il Presidente Obama nel suo team e chissà che dopo il 20 Gennaio, data in cui Trump subentrerà come Presidente degli Stati Uniti, non ci faccia davvero un pensierino. Da ObamaCare a ObamaPlay il passo potrebbe essere davvero breve.