CES-2017
Quello che al CES 2017 ci è sembrato degno di nota

Il CES è la fiera dell’elettronica più grande dell’anno dedicata ai consumatori. Alcuni dei lanci che hanno luogo in tale occasione, infatti, saranno rilevanti in futuro. In corso in questi giorni, abbiamo deciso di fare un riassunto di quel che effettivamente abbiamo visto emergere dalla fiera, ovvero quei prodotti che hanno tutte le carte in regola per influire sul nostro modo di “consumare” la tecnologia.

Alexa, l’assistente Amazon

Amazon è stata una delle stelle del CES 2017 e non era nemmeno presente alla manifestazione (almeno formalmente). Il suo assistente virtuale, Alexa, è integrato in più di una dozzina di prodotti presentati durante la fiera. Dalla lavastoviglie Whirlpool ai frigoriferi e forni che possono essere controllate utilizzando sempre Alexa. LG ha introdotto un firgorifero e anche un robot controllati utilizzando la procedura guidata di Amazon. Ma ci sono anche il robot scopa con cui Samsung prevede di competere contro Roomba e che può essere controllata usando la voce. E Lenovo, che ha introdotto un assistente intelligente per la casa si basa su questo sistema.

Ma molti altri sono gli assistenti vocali presenti sullo scenario. L’assistente virtuale è passato dall’essere esclusivo ai dispositivi di Amazon ad essere integrato su diversi prodotti di altri produttori, e già da un paio di anni. Mentre Siri, Google Now e Cortana sono dedicati alla competizione nel settore mobile (soprattutto), Alexa sta prendendo il sopravvento su tutto quanto concerne il settore smarthome.

Televisori e schermi innovativi

Durante le ultime edizioni del CES, i TV sono stati associati alle parole “curve” e “4K”. Tuttavia, quest’anno ha registrato una deviazione su tale moda e le aziende si sono dedicate a presentare modelli più interessanti e innovativi.

Uno di questi è il nuovo OLED LG W7, dello spessore di soli 2,57 millimetri, il che significa che è più sottile di un dito. Il televisore è dotato di una barra del suono professionale, dove si trovano tutte le porte e i connettori. Al CES 2017, come ogni anno, i produttori hanno avuto modo di competere sul chi può produrre la TV più sottile TV del mondo. Samsung ha presentato un modello simile a LG. La più interessante tra le features è un nuovo tipo di tecnologia chiamata QLED, che assicura la possibilità di mantenere la qualità del colore, indipendentemente del livello di luminosità impostata sullo schermo. Sony, nel frattempo, ha presentato un televisore con uno spessore di 2,5 mm, che vibra per amplificare il suono (anche se la vibrazione si sostiene sia impercettibile). LG ha annunciato alcuni concept molto interessanti, come il suo nuovo schermo trasparente OLED 55 pollici, anche se avevamo già sperimentato schermi simili.

Sempre Sony ha anche introdotto un schermo gigante di 11 metri di larghezza e quasi 3 metri che copre un’intera parete. Si compone di numerosi “mini schermi” LED di piccole dimensioni, con una dimensione di 17.875 ciascuno. Ciò consentirà alla società di offrire pannelli personalizzati di qualsiasi dimensione, ideali per i centri congressi.

Veicolo autonomo

Questo è stato anche l’anno dei veicoli autonomi ed elettrici. Anche se pochi anni fa, Ford è stata l’unica società ad essere presente alla fiera in tal senso, al CES 2017 abbiamo potuto vedere come BMW, Honda, Hyundai, Toyota, Nissan abbiano presentato quello che per loro sarà il concept del futuro delle automobili.

Ford ha introdotto per la prima volta nella storia una versione ibrida della leggendaria Mustang. Chrysler e Hyundai hanno integrato Android sulle loro nuove vetture e promettono che sarà possibile guidare alcuni modelli utilizzando la voce.

Nissan implementerà Cortana, l’assistente virtuale di Microsoft. Toyota, nel frattempo, ha creato un proprio sistema di intelligenza artificiale (chiamato “Yui”), incluso sul prototipo di una macchina intelligente presentata al CES. Anche Honda ha creato una “moto-pilota” in grado di mantenersi in equilibrio da sola. La società prevede di perfezionare questo sistema e integrarlo su tutte le loro moto in futuro.

Palmari

Intel ha introdotto il suo nuovo Compute Card, un piccolo computer portatile, le cui dimensioni sono simili a diverse carte di credito impilate. Delle dimensioni di 94,5 x 55 x 5 mm, ha un processore, un’unità grafica, RAM, scheda wireless e unità di memorizzazione interna. Oltre ad essere un computer per uso personale, l’idea di Intel è quella di creare un tipo di computer modulare che può essere utilizzato sui prodotti per la casa e Internet delle cose. Con questo PC si potrebbe aggiornare il sistema di un frigo intelligente o della TV senza cambiare l’intero dispositivo. Intel inizierà a lavorare con i produttori come Dell, Lenovo e HP, progettando prodotti che funzionano con questi computer modulari.

L’industria hi-tech vuole ancora i giocatori

Il mercato dei videogiochi ha assistito ad alcuni annunci molto interessanti. Acer ha introdotto un computer “portatile” con uno schermo curvo da 21 pollici, 64 GB di RAM, un processore Intel Core i7 di ultima generazione, tastiera meccanica e un sacco di caratteristiche di fascia alta. Il suo prezzo base è però di 9 mila dollari.

Razer ci ha sorpreso con due concept volti esclusivamente ai gamers. Un proiettore che espande l’immagine di uno schermo tradizionale attraverso la parete e un computer portatile con tre schermi da 17″ che si “annidano” nel parte superiore.

Forse questo CES non è stato il più emozionante nella storia della fiera, ma certamente ha portato nuove tecnologie che potremmo vedere il più presto possibile nei dispositivi che usiamo ogni giorno.