Galaxy S6
Galaxy S6 esplode e rischia di ferire gravemente un bimbo di 6 mesi

La tranquillità di una bella famiglia inglese è stata interrotta il 24 dicembre scorso dall’esplosione di un Galaxy S6 che ha rischiato di ferire seriamente un bimbo di soli sei mesi. Tutto ha avuto inizio quando Victoria Leeds, la mamma 39enee del piccolo, ha sentito un rumore sordo provenire proprio dalla camera in cui dormiva Ned, suo figlio.

Dal Galaxy S6 fuoriuscivano fiamme e scintille

Una volta giunta nella stanza da letto ha visto che il telefono era esploso e da esso fuoriuscivano scintille che andavano dappertutto. “Ho visto le fiamme che provenivano dal telefono e le scintille andavano ovunque. Sembravano fuochi d’artificio”, ha riferito la signora Leeds.

Il Galaxy S6 in questione era in carica ed era stato riposto sul comodino che era vicino alla culla del bambino. A seguito dell’esplosione anche il lettino in cui dormiva Ned, il piccolo “sopravvissuto” all’esplosione dell’S6, si è incendiato. Meno male che la madre poco prima che il telefono esplodesse aveva temporaneamente messo il figlio sul proprio letto. La madre di Ned non poteva certo immaginare che questo gesto avrebbe salvato la vita al proprio bambino.

Leggi anche:  Samsung: al via negli USA le sperimentazioni per le auto a guida autonoma

Non è certo la prima volta che uno smartphone di Samsung esploda senza alcuna ragione apparente. Oltre all’ormai famosissima vicenda legata alla “batteria-bomba” del Galaxy Note 7, in questi ultimi mesi sono già diversi gli esemplari di Galaxy S6 andati letteralmente in fiamme. Samsung ha comunque rassicurato gli utenti dicendo che queste ultime vicende non hanno alcuna correlazione con le esplosioni del Galaxy Note 7. Intanto l’azienda di Seul si è impegnata a sostituire lo smartphone di Victoria Leeds, che sta attendendo pazientemente già da una settimana.

Vi lasciamo con la rassicurante immagine di Victoria e di suo figlio Ned, che è rimasto illeso per “miracolo”.

Galaxy S6
Victoria e suo figlio Ned sono rimasti illesi dall’esplosione dell’S6