antimateria
Macchina usata per combinare antiprotoni e positroni per produrre antidrogeno

Per la prima volta nella storia si è riusciti ad osservare lo spettro della luce dall’antimateria grazie ad un esperimento che si svolge da 20 anni al CERNQuesto risultato scientifico “apre una nuova era nella ricerca relativa all’antimateria“, che costituisce la maggior parte dell’universo noto. In tal modo, un rappresentante di questo esperimento ALPHA saluta questo straordinario risultato.

Osservare la transizione nell’antidrogeno e confrontarlo con l’idrogeno per vedere se obbediscono alle stesse leggi della fisica è sempre stato uno degli obiettivi principali della ricerca sull’antimateria“, ha spiegato Jeffrey Hangst, portavoce dell’esperimento. A questo scopo è stato utilizzato un laser, uno degli strumenti principali per questo tipo di studio.

L’idrogeno, avendo un singolo protone e un singolo elettrone, è l’atomo dell’universo – meglio conosciuto e presente in misura più abbondante – ma, il suo contrario, ovvero l’antidrogeno, è inteso in modo molto limitato e produrlo in condizioni di laboratorio è estremamente difficile.

Gli antidrogeni usati in questo caso sono stati prodotti a rallentatore con l’antiprotone e intrappolati in un meccanismo magnetico appositamente progettato per questo scopo. E gli scienziati operano presso le strutture del CERN, al confine tra la Svizzera e la Francia.

I fisici hanno sempre ritenuto che la misura e il confronto tra i due fosse la soluzione per trovare qualsiasi differenza misurabile tra di loro. Questo avrebbe aiutato a capire lo squilibrio tra materia e antimateria nell’universo, un passo che l’esperimento ALPHA è riuscito a dare.

Osservando la prima linea dello spettro dell’atomo dell’anti-idrogeno si è stati in grado di confrontare lo spettro della luce della materia e dell’antimateria ed i risultati hanno dimostrato differenze con idrogeno. “La misurazione dello spettro dell’antidrogeno ad alta precisione fornisce un nuovo straordinario strumento per verificare se la materia si comporta in modo diverso dall’antimateria“, specificano i ricercatori.

Un articolo a questo proposito è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nature.