Super Mario Run

Super Mario Run è il gioco Nintendo che sta sbaragliando ogni tipo di record in termini di vendite in questo finale di 2016. Annunciato in pompa magna, il classico arcade ha catturato l’attenzione di milioni di fans che negli anni sono stati affascinati dalle storie del folletto rosso ed è diventato il degno erede in termini di popolarità di Pokémon Go.

Non tutti però sono entusiasti dell’uscita di Super Mario Run. Nelle ultime ore su Twitter e sui vari blog del settore sta girando molto forte un’accusa particolare, quella di sessismo. Numerosi utenti, infatti, sono molto delusi dallo sviluppo del gioco e dal modo con cui vengono identificati i personaggi femminili del titolo. Il discorso è focalizzato soprattutto sulla figura di Peach e su un episodio particolare della saga.

Chi sta giocando a Super Mario Run non farà fatica a notare che in preciso momento del plot, la principessa Peach invita Mario al suo castello dove sfornerà un’invitante torta. E’ proprio questo l’episodio su cui si basa l’accusa si sessismo. Il portale Recode si chiede che senso abbia giocare ancora sul cliché della donna che prepara solo torte, su Twitter numerosi utenti hanno lanciato diversi hashtag inerenti al caso e si è persino scomodato il New York Times tramite le parole di un suo collaboratore che sottolinea le deludenti politiche applicate al gioco Nintendo.

Sino ad ora la casa produttrice del gioco non ha voluto controbattere e non sappiamo se sia interessata a farlo nell’immediato futuro. Nonostante queste accuse si basino su una base veritiera (quella degli stereotipi retrogradi che colpiscono le donne), quel che possiamo dire è che Super Mario Run è semplicemente un gioco e proprio perché il suo obiettivo è quello di far distrarre i suoi appassionati dagli enormi problemi che circondano la vita, sarebbe ideale prendere un po’ meno sul serio i suoi contenuti.