BlackBerry
BlackBerry, i futuri smartphone verranno prodotti da TCL

BlackBerry è fortemente intenzionata ad uscire dalla forte crisi che ha colpito il gruppo in questi anni. Per il suo piano di rilancio sul mercato degli smartphone internazionale, dunque, ha deciso di affidare la produzione dei suoi prossimi futuri terminali alla multinazionale cinese TCL.

Alcune ore fa, l’azienda canadese BlackBerry ha annunciato la conclusione di un importante accordo di partnership con la società cinese TCL per lo sviluppo e la produzione di nuovi smartphone, quasi sicuramente con sistema operativo Android. Dopo l’annuncio della volontà di abbandonare il mercato, arriva il dietro-front del gruppo, anche se non del tutto completo.

BlackBerry presenterà nuovi smartphone in grado di affascinare il mercato

I manager della società, quindi, hanno riconosciuto la sconfitta, ma non per questo si sono arresi ed hanno, pertanto, intrapreso una nuova strada rivolta all’oriente ed alle competenze di un’azienda già nota nel settore come TCL. I nuovi dispositivi BlackBerry non saranno più progettati e prodotti in Canada, ma l’intero processo produttivo verrà delocalizzato in Cina, e Huizhou (sede legale del gruppo) diventerà a tutti gli effetti il centro di indirizzo politico-amministrativo per gli smartphone BlackBerry del futuro.

Leggi anche:  Huawei Mate 10 Pro, ecco le immagini (quasi) ufficiali del nuovo smartphone

La notizia è giunta alla stampa mediante un comunicato ufficiale dell’azienda canadese ed ha ravvivato l’entusiasmo dei suoi fan più accaniti e dei nostalgici d’altri tempi. Ora bisognerà attendere per scoprire se le nuove politiche manageriali potranno portare agli effetti sperati o si dimostreranno solo l’ennesimo “buco nell’acqua”.

Una cosa, però, è certa: il 2017 sarà un anno estremamente interessante sullo scenario mobile mondiale e vedrà il ritorno di due grandi bandiere del passato, come BlackBerry e soprattutto Nokia, nonché le nuove proposte di Huawei (alla ricerca del definitivo salto di qualità) e Samsung (intenzionata a recuperare gli introiti persi, a causa del disastroso caso Galaxy Note 7). Per ulteriori informazioni e novità su quello che verrà, continuate a seguirci su TecnoAndroid.it!