Pochi giorni fa avevamo segnalato come la settimana in corso fosse decisiva ai fini di una decisione della Commissione Europea relativa alla regolamentazione del roaming in tutto il continente. Finalmente possiamo dire che ci sono buone notizie per tutti noi, visto che i paesi membri hanno approvato le direttive che regolamenteranno l’utilizzo del traffico dati al di fuori dei confini nazionali.

Tutto ciò significa che l’iter programmato negli scorsi mesi per la cancellazione delle tariffe straordinarie prosegue ed a questo punto dovrebbe essere confermata la scadenza di giugno 2017 per il licenziamento del provvedimento.

“Il voto odierno è un grande passo e  significa che l’Europa chiuderà le porte alle tariffe extra che penalizzano tutti i viaggiatori quando telefonano, mandano messaggi o navigano su internet dai loro dispositivi mobili. – Ha dichiarato Andrus Ansip, vicepresidente per la comunicazione della Commissione Europea – La normativa garantirà comunque che le offerte nazionali più competitive rimangano convenienti”.

Il voto favorevole dei 28 stati apre le porte al cosiddetto progetto “Roam like home”, un progetto dedicato a chi si sposta con grande frequenza e puntualità nel continente. Da giugno, infatti, i costi della rete nel territorio nazionale saranno gli stessi anche al di fuori dei confini statali.

L’ultimo tassello di un puzzle che oramai è vicino all’essere completo è il dialogo che dovranno instaurare le varie compagnie telefoniche per trovare un accordo commerciale che non sfavorisca nessuno e che eviti eventuali abusi. Risolta quest’ultima spinosa questione, la linea del traguardo sarà varcata e a quel punto avremo finalmente sì un’Europa più unita e più coesa.