parkinson
Dispositivo aiuta a controllare i movimenti del Parkinson

Tre anni fa, quando aveva 29 anni, al graphic designer Emma Lawton fu stato diagnosticato il morbo di ParkinsonOggi, grazie all’aiuto di un progetto BBC e Innovation Manager di Microsoft Research Cambridge, la ragazza è in grado di riutilizzare le mani per disegnare e scrivere, con l’aiuto di un dispositivo indossabile.

Le persone in cerca di aiuto per qualsiasi tipo di disturbo o malattia sono purtroppo molto numerose. Tanto che, spesso, si chiede alla tecnologia e agli inventori di risolvere i loro problemi quotidiani. Ad esempio, un altro progetto mira a correggere i disturbi dei malati terminali che non possono più utilizzare la macchina fotografica, permettendo loro di continuare a coltivare questa passione.

Il morbo di Parkinson provoca nel paziente un fastidioso e incontrollabile tremolio delle mani, rendendo quasi impossibile condurre una vita normale. Il movimento incontrollato della mani della Lawton era così grave che la sua carriera come un progettista è stata messa in pericolo.

Precedentemente coinvolti nella produzione di manufatti per disabili che potrebbero reagire ai movimento, gli scienziati sono riusciti a creare un dispositivo da indossare al polso, chiamato Emma, ​​che facilita il disegno e gli schizzi per contrastare gli impulsi dei tremori della Lawton. Quel che porta Emma ad essere utile nel suo concept è la possibilità di interrompere il movimento che impedisce un normale controllo del braccio. Durante l’utilizzo del dispositivo, la Lawton può disegnare linee rette e anche scrivere in modo leggibile.

Dal momento in cui il prodotto è stato lanciato, la graphic designer lo usa regolarmente. Ad ogni modo, la società di produzione non ha al momento alcuna intenzione di sviluppare il dispositivo al fine di immetterlo sul commercio perché è stato progettato con le esigenze specifiche della Lawton. Tuttavia, ci si aspetta di utilizzare questo progetto come base di partenza per lo sviluppo di strumenti simili.