Gooligan
Come difendersi da Gooligan

Più di un milione di account Google sono stati letteralmente invasi da hacker, a causa di un problema con il sistema operativo Android. Secondo la società di sicurezza digitale Checkpoint, i dispositivi con le versioni  Android 4.2, Android 4.3, Android 4.4 KitKat e Android 5.0 Lollipop sono vulnerabili alla minaccia Gooligan.

Il malware è in grado di infettare 13 mila device al giorno. Il problema è causato da un malware che si diffonde nelle applicazioni sulla piattaforma. Gooligan, dunque, infetta i terminali attraverso false applicazioni, apparentemente innocue. Inizialmente trovato sul Play Store di Google, le applicazioni nocive sono state prontamente rimosse da Google, ma sono ancora disponibili sul web. Una volta installate, queste app sono responsabili della fuoriuscita di dati degli utenti.

Ne avevamo già parlato nei giorni scorsi, il virus può rubare i dati degli account Google e avere pieno accesso a Google Play, Gmail, Google Foto, Google Documenti, Suite G, Google Drive e altri servizi incorporati di Android. Inoltre, le applicazioni malevole servono a generare reddito agli hacker.

I dispositivi infetti aumentano la reputazione della applicazioni sul Play Store con cinque stelle di classificazione, facendo clic con i banner pubblicitari. Pertanto, le vittime inconsapevoli perdono i loro dati e contribuiscono a fare in modo che i criminali traggano profitto direttamente da Google.

Come identificare la minaccia e proteggersi

Per scoprire se il vostro smartphone è già infetto, è importante sapere se vi è un consumo eccessivo della batteria per nessun motivo apparente. Oltre a spendere più energia rispetto al normale, Gooligan può compromettere le prestazioni del dispositivo con molti clic sulla pubblicità.

Leggi anche:  Android: ecco 5 funzioni da attivare assolutamente sul vostro smartphone

Per evitare infezioni, non bisogna installare applicazioni disponibili al di fuori del Google Play Store. Dato che il gigante di Mountain View ha rimosso le applicazioni dannose dal negozio ufficiale, il pericolo rimane ora solo sui siti indipendenti.

Tuttavia, se si pensa di aver già commesso un errore, è bene seguire passo per passo un piccolo vademecum per sbarazzarsi del problema.

Punto 1. Accedere alle impostazioni del proprio smartphone Android e, successivamente, al menu “Backup e ripristino”. A seconda del dispositivo, il nome della sezione può variare (v. “ripristino impostazioni di fabbrica”).

Punto 2. Ripristinare il dispositivo e cancellare i dati dalla memoria di sbarazzarsi del malware. Il dispositivo si riavvierà e si dovrebbe poi impostarlo come nuovo.

Punto 3. Infine, modificare la password di Google per impedire agli hacker di prendere nuovamente il controllo del vostro device Android.