Apple
Apple sotto accusa per esplosioni impreviste dei suoi smartphone

Apple sembra essere ricaduta nelle stesse identiche problematiche che hanno colpito Samsung nei mesi precedenti. Infatti, secondo le segnalazioni di numerosissimi utenti sul web, gli ultimi device della mela morsicata sono vittima sempre più spesso di autocombustioni indesiderate.

A seguito del fiasco Galaxy Note 7, Samsung ha subito pesanti ripercussioni economiche/finanziarie, nonché sul piano della fiducia nei confronti del marchio. Tuttavia, anche Apple non pare nuova a questo genere di problematiche, sebbene per il momento lo scandalo continui ad essere relativamente contenuto.

Apple cerca di comprendere le cause dell’esplosione

L’ultimo caso di autocombustione spontanea ha avuto luogo in una scuola americana, dove uno studente ha registrato un video dell’accaduto e subito dopo ha deciso di pubblicarlo in rete. Il colosso di Cupertino, dal canto suo, si è già mobilitata per mettersi in contatto con l’autore del video e comprenderne le dinamiche-cause.

Intanto, in rete aumentano le ipotesi e le ironie del caso, con Apple in procinto di imbattersi in un nuovo caso di “BatteryGate“. La nostra speranza, naturalmente, è quella che si tratti solamente di un caso isolato, perché un ulteriore scandalo di questo tipo potrebbe avere delle conseguenze catastrofiche non solo per il marchio della mela morsicata, bensì per l’intero comparto smartphone, phablet e tablet. Ricordiamo che altri casi di questo tipo si sono verificati in diverse altre parti del mondo e su diversi dispositivi (iPhone 5, 5S, 6, 6S) dell’azienda.

Leggi anche:  Motorola: singificativo passo in avanti nei ricavi del terzo trimestre del 2017

Non ci resta che attendere le dichiarazioni ufficiali del gigante statunitense e sperare in un goliardico scherzo giovanile, anche se l’aumentare dei casi registrati non è certo un buon segno. Per ogni informazione e novità in merito alla vicenda, continua a seguirici su TecnoAndroid.it!

A seguire il video registrato a scuola e pubblicato su Twitter dallo studente liceale.