android-apple
Gli utenti iPhone più antipatici?

Un sondaggio condotto in collaborazione con le Università di Lincoln e Lancaster, nel Regno Unito, ha cercato di scoprire se si può affermare – con poco margine di errore – qualche caratteristica sulla personalità di una persona in base allo smartphone che possiede. E, secondo la ricerca, è possibile: i proprietari di iPhone, ne emerge in base ai dati, tendono ad essere più emotivi di quelli Android, ma al contempo meno onesti e umili. 

Questa ricerca è stata presentata a settembre, ma è stato completata e formalmente pubblicata solo la scorsa settimana. Inizialmente, i ricercatori hanno tradotto i risultati asserendo che i proprietari di iPhone sarebbero addirittura “sgradevoli”. In tutto, hanno intervistato 530 persone, tra il 2015 e il 2016, per giungere a questo simpatico risultato. Le interviste hanno coinvolto gli utenti con domande riguardo lo smartphone e le abitudini dei possessori.

Il profilo smartphone

I primi risultati presentati dai ricercatori hanno riguardato le caratteristiche demografiche dei dispositivi di proprietari di ogni sistema operativo. “Rispetto agli utenti Android, abbiamo scoperto che gli utenti iPhone hanno maggiori probabilità di essere donne, più giovani e sempre più preoccupate che il proprio smartphone possa essere visto come un oggetto di status”, si spiega nel sondaggio.

Tuttavia, il vero interesse dei ricercatori è stato quello di determinare se il sistema operativo utilizzato dagli smartphone potesse rivelare tratti della personalità. A quel punto, si è scoperto che “importanti differenze di personalità possono essere osservate, suggerendo come gli utenti iPhone mostrino livelli più bassi di onestà/umiltà e più elevati livelli di emotività“.

Importanza

David Ellis, uno dei ricercatori coinvolti nello studio, ha riferito che la ricerca ha aiutato i ricercatori a capire e, spesso capire, quale smartphone una persona possedesse. Con i dati raccolti, il team è riuscito a creare un modello statistico in grado di delineare la tipologia di utente in base alle risposte ad alcune domande. Tuttavia, il team si aspettava che i proprietari di iPhone fossero “più giovani ed estroversi” e, “molto probabilmente, più inclini a possedere un device come oggetto di stato”.

Questo non è solo uno studio curioso. L’indagine, infatti, sottolinea “anche se gli smartphone stanno guadagnando terreno nella ricerca in varie discipline“. Il rapporto tra le singole differenze tra i due gruppi di utenti – Android e iOS – “non è mai stato empiricamente indagato”.

Applicazioni

Ellis ritiene che i risultati delle sue ricerche saranno importanti anche per altre indagini future. Ad esempio, i ricercatori che lavorano nei settori della “scienza sociale computazionale” e della “psicoinformatica” possono utilizzare questi dati per indirizzare il proprio studio più specificamente a uno di questi specifici gruppi di utenti.

Ad ogni modo, i ricercatori non hanno stabilito una relazione causale che suggerirebbe come ogni gruppo di utenti possegga queste caratteristiche. Di fatto, non si può definire con certezza, ma questo trend potrebbe essere legato al prezzo di iPhone. Per scoprirlo, Ellis ritiene che sarebbe interessante studiare le persone che sono passate da un sistema operativo all’altro.