sostituire batteria

Scordatevi gli smartphone attuali con batterie in litio che necessitano di essere caricate anche più volte durante una giornata. Il cellulare del futuro avrà un diverso tipo di ricarica energetica grazie all’utilizzo di super condensatori flessibili che riusciranno a garantire performance elevatissime unite ad una resistenza super.

Gli studi sono stati condotti dagli esperti di nanotecnologia dell’Università della Florida. I condensatori utilizzati come batteria degli smartphone necessiterebbero di essere caricati poco più di una volta a settimana e cosa più sorprendente il tempo per farli tornare a pieno regime si aggirerebbe intorno ai 5 minuti. 

Il segreto di questi strumenti è tutto nella loro composizione. Per la costruzione è stato previsto l’utilizzo di materiali bidimensionali con lo spessore di un solo atomo. Questo tipo di tecnologia era stata già ipotizzata negli scorsi anni, utilizzando il grafene, senza però venire a capo di una soluzione simile.

Le nuove batterie degli smartphone avrebbero una vita quasi infinita, potendo resistere a circa 30mila cicli di ricarica. Gli accumulatori in litio attuali invece hanno performance molto diverse, dato che tendono ad andare in usura dopo circa 1500 cicli di ricarica completi.

I super condensatori che andrebbero a completare i cellulari del domani sarebbero anche di fondamentali importanza per lo sviluppo di tecnologie parallele come quelle delle auto elettriche e degli oggetti indossabili. Si resta però attualmente ad una fase di studio e di sperimentazione. L’entrata in commercio di questi elementi non è prevista per l’immediato futuro, ma i ricercatori sono fiduciosi di poter ottenere in breve tempo il brevetto per rendere l’idea applicabile alla realtà.