Smartphone su posto di lavoro
Smartphone su posto di lavoro, senza di esso si è più produttivi

Smartphone su posto di lavoro, secondo uno studio condotto da “Kaspersky Lab”, non utilizzare il nostro dispositivo mentre si lavora ci rende più produttivi del 26%. La ricerca è stata condotta grazie al contributo delle università di Würzburg e Nottingham Trent.

I risultati sono stati annunciati in queste ore tramite un comunicato stampa ufficiale dell’azienda russa, specializzata nella produzione di software progettati per la sicurezza informatica. Dunque, chi crede di avere tutto sotto controllo (mail, contatti, ecc.) grazie al proprio smartphone, ha torto. Infatti, i nostri tanto amati dispositivi elettronici tuttofare hanno la peculiarità di deconcentrarci e diminuire la nostra produttività del 26%.

Smartphone su posto di lavoro, uno studio realizzato su un campione di utenti

Lo studio è stato realizzato grazie ad un campione di 95 persone con un’età comprensiva tra i 19 ed i 56 anni. Ogni partecipante aveva il compito di realizzare un test di concentrazione, prima con la possibilità di utilizzare il proprio smartphone nel mentre e dopo senza. I risultati sono stati sconvolgenti ed hanno dato ragione, dunque, ai datori di lavoro, sin da sempre contro l’utilizzo degli smartphone in ambiente lavorativo.

Se da un lato, però, lo smartphone rende meno produttivi in alcuni ambiti, riteniamo doveroso ricordare che questi apparecchi possono semplificare di molto altri ambiti ed altri tipi di lavoro. Infondo infondo, infatti, il problema non è rappresentato dalla scoperta, dall’innovazione tecnologica o da una determinata invenzione, quanto piuttosto dall’utilizzo che la maggior parte della gente comune ne fa di essa.

Il nostro consiglio, quindi, è sempre il medesimo: utilizziamo la tecnologia e tutti i suoi benefici senza “farci utilizzare” e, soprattutto, senza esserne influenzati. Per ulteriori studi e ricerche in merito alla vicenda, ti invitiamo a continuare a seguirci su TecnoAndroid.it!