tp-network

Together Price è una piattaforma di gestione degli abbonamenti a servizi di streaming, che prevendono l’utilizzo multiutente con piano famiglia e non solo. La semplicità del nuovo servizio permette la gestione oculata delle spese condivise, senza perdere tempo.

Together Price, nome inglese ma cuore tutto italiano

netflix

La piattaforma 100% italiana è destinata a diventare un servizio decisamente popolare. La possibilità di creare abbonamenti condivisi trova la sua massima difficoltà proprio nel raccoglimento delle quote di iscrizione. Tramite l’adesione gratuita a Together Price, ogni mese – sistematicamente – le quote saranno decurtate dai conti PayPal degli aderenti.

Per utilizzarla è sufficiente iscriversi al portale e creare una propria proposta di gruppo. In alternativa, è possibile scegliere di partecipare ad un abbonamento già esistente con posti liberi.  Sta all’amministratore di ogni gruppo accettare o meno l’utente. Al momento i servizi sottoscrivibili sono: Netflix, Spotify, Apple Music, Xbox, Office 365 e Google Play Music.

Per poter iniziare ad usare Together Price basta collegarsi al sito ufficiale della piattaforma e completare l’iscrizione, si può utilizzare anche il proprio profilo Facebook. Starà a voi scegliere se proporre un nuovo gruppo di condivisione oppure chiedere di partecipare ad uno esistente. L’interfaccia è decisamente intuitiva. Ovviamente, è importante ricordare che i servizi in streaming, che offrono la possibilità di condividere un abbonamento, riservano l’opportunità ad utenti in qualche modo legati fra di loro. Ad esempio, familiari. Per questo motivo la partecipazione ad un abbonamento in sharing è a discrezione di chi crea il gruppo e la scelta dei membri non è quindi responsabilità di Together Price. Un’idea interessante, italiana e realmente utile.