Risolvere la criminalità grazie agli smartphone

Detriti della pelle, sebo o lo sporco che si nasconde sul nostro smartphone può rivelare dati interessanti sul nostro stile di vita. E tutte queste informazioni potrebbero anche servire come prova in indagini penali. Lo sostengono alcuni ricercatori degli Stati Uniti.

Lo studio, al quale hanno partecipato 39 volontari, ha permesso agli scienziati di raccogliere campioni dai loro telefoni e dalle mani in luoghi diversi, riuscendo a determinare apparentemente il loro stile di vita.

I ricercatori hanno scoperto che una grande quantità di informazioni chimiche si annida proprio sui dispositivi. Per esempio, creme o antinfiammatori, trattamenti per la perdita dei capelli, antidepressivi e gocce per gli occhi, sono alla base dei residui presi in esame dallo studio pubblicato sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences.

Tra gli altri interessanti residui, molecole di agrumi, caffeina ed erbe. In alcuni casi, residui di prodotti chimici utilizzati anche nei mesi precedenti dagli utenti, e rilevati dai filtri solari. “Possiamo immaginare il ricercatore di una scena del crimine alle prese con un oggetto personale come il telefono, non con le impronte digitali o il DNA che sono nel database e che non sarebbero quasi in grado di determinare a chi appartenga“, ha spiegato Pieter Dorrestein, autore e professore presso la University of California di San Diego. Con l’analisi delle molecole che si trovano sui telefoni cellulari, potremmo dire che probabilmente si trattava di una donna, che utilizzava cosmetici di fascia alta, tinture per capelli, beveva caffè, preferiva la birra al vino, non era depressa e usava repellenti per insetti. Quindi, probabilmente spendeva molto del tempo libero all’aria aperta“, ha aggiunto Amina Bouslimani, un altro degli autori. Che ha così concluso: Questo è il tipo di informazioni che potrebbe servire ad un ricercatore per facilitare la ricerca del proprietario di un oggetto“.