trail_header1-01-1

Peter Molyneux, l’uomo che sta dietro famosi brand di videogames come Fable, Theme Park, Dungeon Keeper, Black&White e i più recenti Curiosity e Godus è tornato a far parlare di sé grazie al suo ultimo lavoro, The Trail: A Frontier Journey, che da oggi è disponibile al download dal Play Store.

Dopo il fallimento clamoroso del progetto Curiosity/Godus, con il fortunato minatore che ha ultimato Curiosity che si è visto negare tutte le promesse di gloria che lo avrebbero reso onnipotente nel defunto prematuramente Godus, ecco che Peter Molyneux, celeberrimo autore britannico, torna alla ribalta con un nuovo gioco, The Trail: A Frontier Journey, che da oggi è stato reso disponibile al download sui dispositivi Android.

L’uscita del gioco è arrivata in maniera abbastanza inaspettata dato che l’ultima volta in cui Molyneux aveva parlato di The Trail risale al 2014. Con The Trail, stando alle dichiarazioni di Molyneux, lo sviluppatore ha intenzione di riscattare gli errori commessi con il precedente Godus il quale, finanziato da una faraonica campagna Kickstarter da 700.000 euro, non aveva mantenuto le aspettative in quanto il progetto, troppo mastodontico nei piani, non poteva essere portato a termine.

22Cans, la software house di Molyneux, a causa della gogna mediatica a cui è stata sottoposta, ha rischiato di chiudere i battenti più volte, ma, a quanto pare, è tornata più convinta che mai con un nuovo progetto mastodontico.

the-trail-google-play

The Trail: A Frontier Journey è un’avventura in terza persona che vedrà il protagonista viaggiare attraverso gli scenari, realizzati con una grafica simil cell-shading, collezionando oggetti, craftandone di nuovi e commerciandoli tramite alcuni mini-giochi. Al momento il sistema di crafting è molto semplicistico e si attiva solo una volta che il personaggio si sarà fermato per rifocillarsi ad un falò. Ma qual è lo scopo allora? I giochi di Peter Molyneux sono sempre controversi, in questo caso in The Trail avremo il compito di esplorare il più possibile, scoprire nuove zone e migliorare l’equipaggiamento che ci costruiremo strada facendo. Più che un gioco vero e proprio, The Trail è una sorta di esperienza rilassante che pone l’enfasi sull’esplorazione delle locations e sull’interazione con i personaggi che si incontreranno lungo la strada. Il viaggio, nell’idea alla base del gioco, finisce in una città chiamata Eden Falls ma non si sa cosa ci sia in questa città e quanta strada ci sia da fare per raggiungerla. Si spera che i giocatori possano trovarci qualcosa di meglio rispetto a Curiosity.

Per il momento, almeno fin quando non sarà introdotta una buona componente multiplayer le uniche cose da fare sono camminare, craftare e raccogliere oggetti. Speriamo che la componente multiplayer dia un po’ di varietà a quello che, per adesso, non è un capolavoro assoluto. Se avete intenzione di provare The Trail: A Frontier Journey vi basterà cliccare sul badge in basso.