Fin dall’evento di presentazione, Google ha sempre posto l’accento sul sistema di ricarica rapida integrata all’interno del suo nuovo Pixel XL. Il phablet top gamma di Big G, oltre al chip per il Fast Charge, viene venduto con un caricabatterie che eroga 18W. Per provare concretamente l’efficacia di questo sistema, è stata eseguita una comparativa tra il Pixel XL, l’iPhone 7 Plus ed il Galaxy S7 Edge in relazione ai tempi di ricarica.

Innanzitutto, occorre ricordare l’amperaggio delle batterie dei tre dispositivi: 3.600 mAh per l’S7 Edge, 2.900 mAh per l’iPhone 7 Plus, 3.450 mAh per il Pixel XL. Si tratta dunque di prodotti che hanno batteria con capienze differenti e, almeno sulla carta, l’iPhone 7 Plus dovrebbe essere quello più veloce a ricaricarsi (vista la batteria più piccola), ma in realtà non è così.

Infatti, sia l’S7 Edge che il Pixel XL integrano un sistema di ricarica rapida, che inevitabilmente fa la differenza. Prima di far partire il test, su tutti e tre i dispositivi è stata attivata la modalità “aereo”, così da non far inficiare la ricarica da applicazioni in background che magari agiscono sulla connettività wi-fi.

Lo smartphone che completa per primo la ricarica è il Galaxy S7 Edge, che impiega circa 1 ora e 30 minuti, davvero un ottimo risultato. Segue a ruota il Pixel XL, che invece ci mette circa 2 ore, mentre il fanalino di coda è l’iPhone 7 Plus con 3 ore e 30 minuti. Una differenza davvero notevole per il top gamma Apple, che probabilmente dovrebbe cominciare a lavorare su uno standard di ricarica rapido, vista l’importante differenza con i diretti competitors.

In ogni caso, il sistema messo a punto da Samsung risulta essere quello più efficiente (considerando, tra l’altro, che la batteria dell’S7 Edge è la più capiente tra i tre), ma senza dubbio Google è riuscita a fare un ottimo lavoro in tal senso.