Pornhub vuole acquistare Vine
“6 secondi sono più che sufficienti per divertirsi” queste le parole del VP di Pornhub, Corey Price

Dopo l’annuncio shock di ieri dell’abbandono della piattaforma video nei prossimi mesi da parte di Twitter, un acquirente si erge all’orizzonte: Pornhub vuole acquistare Vine e farlo tornare alla sua passata gloria.

Ovviamente nei piani dell’azienda la “passata gloria” è ovviamente da identificarsi in contenuti NSFW (Not Safe For Work – Non sicuri se siete a lavoro). Questo genere di contenuti è molto comune su Twitter, che nel 2013 ha lanciato Vine, un servizio video in cui inserire brevi filmati della durata di 6 secondi.

Purtroppo nonostante gli aggiornamenti della piattaforma, che proprio quest’anno ha ampliato il suo limite di a 140 secondi di registrazione, sembra che il destino di Vine sia segnato. La concorrenza di Facebook, Youtube, Instagram e Snapchat è davvero agguerrita, e così Twitter ha annunciato l’abbandono definitivo della piattaforma nei prossimi mesi.

Pornhub però ha lanciato un messaggio rivolto al CEO di Twitter, Jack Dorsey, che recita così: “Abbiamo pensato che, dato che Twitter ha abbandonato Vine e che sta attraversando una ristrutturazione aziendale, voi ed i vostri portatori di interessi potreste beneficiare di un’infusione di denaro proveniente dalla vendita di Vine. Senza contare che potremmo salvare delle perle come ‘Damn Daniel’, ‘Awkward Puppets’ e molti altri“.

Il messaggio continua, spiegando che inoltre “6 secondi di porno sono più che sufficienti per divertirsi”, riferito alla durata dei video di Vine, nel caso fosse acquisita da Pornhub.

Non è dato sapere se l’offerta di Pornhub sia seria oppure no, anche riteniamo improbabile che Twitter venda una parte dei suoi asset ad un sito per adulto. Bisogna però considerare che in fondo un’offerta è sempre un’offerta, e che Pornhub ha tutti gli interessi ad acquisire una piattaforma di micro-video.

Basta pensare al successo di Tumblr in cui spopolano mini-video e GIF animate a sfondo sessuale, utilizzate spesso in barba a qualsiasi copyright e che produce più di qualche grattacapo agli imprenditori dell’industria del sesso.

 

Pornhub vuole acquistare Vine e potrebbe essere il nuovo “must” nel mondo della pornografia: il piacere per tutti in soli 6 secondi. Staremo a vedere se questa folla proposta verrà accettata oppure no.