Il team di sviluppo CyanogenMod ha deciso di rilasciare alcune dichiarazioni che tranquillizzeranno gli utenti appassionati di modding. Dopo alcuni mesi in cui non era molto chiaro il destino di una delle Custom ROM più utilizzate ed apprezzate del panorama, finalmente sembra esserci un po di chiarezza.

Il team di sviluppo CyanogenMod ha annunciato l’abbandono ufficiale dello sviluppo della nuova versione 14 in favore dell’inizio dei lavori sulla 14.1. Questa decisione è stata presa anche grazie alla pubblicazione da parte di Google della Developer Preview della nuova distribuzione Android Nougat 7.1.

Ricordiamo che lo sviluppo della CyanogenMod 14.0 era ad uno stadio di sviluppo piuttosto avanzato ed era quasi pronto per il rilascio delle prime nightly, versioni preliminari del software per testare e risolvere i bug più grossi.

La speranza del team è quella di portare Android 7.1 su tutti quei dispositivi che non lo potranno mai vedere per vie ufficiali come per esempio tutti quelli equipaggiati con System-on-a-Chip Qualcomm Snapdragon 800 e 801 il cui supporto è ufficialmente terminato.

Lo sviluppo procede spedito, ma alcune modifiche apportare da Google al codice AOSP rendono più difficile il lavoro alle Custom ROM rispetto al passato. In particolare, per evitare problemi di sicurezza, Google ha deciso di dividere i file relativi al MediaServer di Android in vari “sotto-server” realizzando un Server per ogni sistema multimediale: CameraServer, AudioServer, MediaCodecServer, MediaDRMServer ecc.

Questa importante modifica, da un lato previene le falle di sicurezza, ma purtroppo dall’altro rende difficile realizzare un ROM in grado di funzionare su molti device diversi dotati di caratteristiche tecniche molto differenziate in quanto per intervenire su questi server specifici si rendono necessari dei codici sorgente specifici disponibili solo agli OEM.

In ogni caso i lavori procedono e ci sono buone speranze di adattare il codice a molti terminali. Le prime nightly arriveranno nei prossimi mesi non appena questi problemi saranno risolti. Non ci resta che attendere i nuovi sviluppo dal parte del team e sperare che risolvano i problemi in poco tempo.