smartphoneFin dal loro arrivo sul mercato con il form factor full-touch, che potremmo collocare nel 2007 con il lancio della prima generazione di iPhone, gli smartphone hanno iniziato una vera e propria ascesa esponenziale in termini di vendite. Negli ultimi due anni, il mercato aveva mostrato una contrazione (pur continuando comunque a crescere), mentre adesso sembra abbia ripreso la sua corsa.

Stando infatti ad un’indagine di mercato realizzata dalla società di ricerca GfK, le vendite globali di smartphone sono aumentate del 6.6% nell’anno in corso (che, tra l’altro, deve ancora terminare). Si prevede che a fine del 2016 si raggiungeranno le 1.4 miliardi di unità vendute, un numero davvero impressionante.

Com’è facilmente prevedibile, la Cina rappresenta l’area geografica più ampia in senso economico, con una quota nel mercato smartphone di quasi un terzo. Molto interessante anche la crescita di aree come l’India ed il Medio Oriente, che stanno diventando sempre più importanti nelle strategie dei vari produttori di telefonia.

A distanza di 9 anni dall’arrivo sul mercato della prima generazione di iPhone targata Apple, è davvero impressionante osservare come gli smartphone continuino a vendere così tanto, nonostante ormai praticamente chiunque sia in possesso di un prodotto del genere (e questo, almeno sulla carta, avrebbe dovuto affossare le vendite in ottica futura).

Non è esagerato dunque definire gli smartphone come l’invenzione tecnologica più importante del nuovo millennio, in quanto hanno davvero rivoluzionato la nostra quotidianità e l’intero mercato dell’elettronica di consumo (senza considerare tutti gli altri settori interessati in maniera indiretta). Chissà cosa ci riserveranno in futuro i produttori, nel frattempo continueranno a sfregarsi le mani.