google
Google Assistant e Google Now, due assistenti vocali che si fonderanno in uno solo

Google ha introdotto, tra le altre varie cose, Google Assistant il 4 ottobre in occasione della presentazione dei nuovi Pixel. Gli assistenti digitali ad attivazione vocale ormai sono parte integrante dei dispositivi mobili: Apple ha Siri, Microsoft ha Cortana e Google ha Google Now e Google Assistant.

Al momento, Google Now e Google Assistant sono due cose separate – Google Now lavora nelle applicazione di Google su Android e iOS, mentre Google Assistant si trova in Google Allo applicazione per chat e integrata in Google Home e sui nuovi Pixel – ma il sospetto è che questi due assistenti virtuali si fonderanno in uno solo. Assistant ha già preso il posto di Now sui Pixel di Google.

Google Now

Google Now è un assistente personale ad attivazione simile a Siri di Apple o Cortana di Microsoft. A differenza di Siri e Cortana, Google Now non è specifico della piattaforma; l’applicazione funziona sia su Android sia su iOS, anche se le sue capacità hardware di controllo sono limitate su iOS. L’applicazione consente di cercare velocemente sul Web e di eseguire una varietà di compiti – come pianificare eventi e allarmi, regolare il volume del dispositivo e la pubblicazione sui social media – utilizzando i comandi vocali.

Google Now è conveniente quando si desidera utilizzare la potenza di Internet e il dispositivo mobile senza utilizzare le mani, offre l’accessibilità a mani libere dalla schermata di blocco con il comando “OK, Google“. Ma, mentre Google Now può sapere tutto attraverso Google e accedere alle informazioni negli account personali di Google, in realtà non conoscere te, ed è qui che Assistant entra in gioco.

Google Assistant

Google Assistant è fondamentalmente la prossima generazione di Google Now. Fa la maggior parte delle stesse cose, e molto di più, ha un’interfaccia più amichevole, più colloquiale. L’edizione in anteprima di Google Assistant ha debuttato nella chat di Allo. Assistant esegue le stesse operazioni di Google Now: ricerca web, eventi di pianificazione e allarmi, regola le impostazioni hardware del dispositivo e accede alle informazioni personali dall’account Google.

Mentre Google Now è, per molti versi, il comando vocale di Google Search, Assistant offre le informazioni in modo più colloquiale e (Google spera) in formato più accessibile. Ad esempio, Assistant trasforma i risultati di ricerca in risposta ad una frase, e, per una domanda come “Quali sono alcuni ristoranti nelle vicinanze?” presenta le informazioni in schede, invece di una pagina di ricerca di Google come farebbe Now.

Assistant ha anche l’intelligenza artificiale più profonda rispetto a Google Now – o uno qualsiasi degli altri assistenti virtuali, se è per questo. A differenza di Siri e Cortana, Assistant può portare avanti una conversazione bidirezionale con voi, conoscere i dati personali su di te (come il tuo compleanno o la vostra razza preferita di cane) e richiamare le informazioni dalle conversazioni precedenti per contesto.

Google ha grandi speranze per il futuro – un assistente che conosce molto di più del colore preferito e che possa combinare tutta la potenza di Google per fare molte più cose. Come ha detto Google durante l’evento dal vivo, più si utilizza Assistant, più intelligente diventa.

Per ora Assistant ha preso il posto di Google Now in Google Home e sui Pixel. Quando si preme il tasto Home sui Pixel, si avvierà Assistant invece di Now; anche quando si dice “OK, Google” si avvierà Assistant invece di Now.