smartphone
Come la tecnologia influisce sulla nostra salute

Quanto l’era della tecnologia sempre più presente ha influito sul nostro stile di vita e, soprattutto, la salute? Prima c’erano i computer e già il monito era che, davanti ad essi per dove lunghe ore, quest’abitudine avrebbe contribuito ad avere la schiena inarcata, mentre gli occhi fissi sullo schermo avrebbe prodotto arrossamenti e fastidi. Fino ad arrivare all’esagerata “attività fisica” delle dita, costantemente sulla tastiera, e il movimento perenne del braccio nel comandare il mouse non avrebbero giovato alle nostre articolazioni.

23326_540-300x200Dopo qualche anno di evoluzione ininterrotta, molti di noi stanno patendo il mal di schiena, dolori articolari, affaticamento visivo, una sindrome del tunnel carpale con dolore al polso e conseguente periartrite. Dal momento che gli smartphone si sono diffusi in termini numerici e di utilizzo, e le persone passano la loro vita chini sul display, gli occhi si affaticano nel leggere caratteri molto piccoli mentre si digita freneticamente su una piccola tastiera o si ascolta la musica – volendo anche a volume molto alto – con le apposite cuffie. Ancora una volta, aumenta l’affaticamento visivo, le articolazioni delle dita ne risentono e l’udito si deteriora.

Non stiamo correndo forse il rischio che le future generazioni possano andare incontro prematuramente incontro all’insorgenza del mal di schiena o di osteoartrite, e che i ragazzi possano essere ipovedenti e non udenti? Potrebbe sembrare esagerato, ma la questione merita di essere posta e approfondita.

Tra Internet, Skype, Facebook o Instagram, sempre più giovani si isolano in un mondo virtuale, abbandonando le relazioni umane. Il risultato saranno, senza dubbio alcuni per i medici e psichiatri, alcuni disturbi comportamentali.

Dopotutto, non è forse l’era della condivisione di un pranzo o di una cena con lo sguardo fisso su un display? Forse sarebbe il caso di dimenticare il wi-fi e guardare negli occhi chi ci sta davanti. Così, anche solo per provare.