Aggiornamento Shazam
Shazam, l’applicazione per riconoscere la musica

Shazam, la nota applicazione desktop e mobile per il riconoscimento della musica e degli artisti ha raggiunto due nuovi traguardi. Grazie ad un annuncio rilasciato dalla società nei giorni scorsi, l’applicazione ha raggiunto il traguardo di oltre un miliardo di download.

L’annuncio però è stato accompagnato anche da un’altra notizia sicuramente più interessante per la società. Infatti, al netto degli interessi, delle tasse, del deprezzamento e degli ammortamenti, finalmente Shazam ha fatto registrare un incremento degli utili. L’applicazione infatti invia costantemente quasi un milione di click verso siti di streaming musicale di terze parti come Spotify, Deezer, Apple Music, da cui percepisce una percentuale per ogni acquisto effettuato.

Inoltre dopo aver Shazammato una canzone, all’utente viene mostrato anche un banner pubblicitario, anche riguardante argomenti esterni al contesto musicale, che offre anche un ulteriore fonte di guadagno per la società. Se moltiplichiamo i profitti per la singola visualizzazione pubblicitaria per il numero complessivo di volte che Shazam è stato usato dagli utenti, circa trenta miliardi di volte, allora otteniamo un bel ammontare.

Il CEO di Shazam, Rich Riley, ha voluto sottolineare come questi traguardi siano frutto di una rinnovata attenzione al settore pubblicitario, che ha permesso di concentrare gli sforzi e migliorare quanto il proprio team di sviluppo aveva già fatto. Va considerato che la competizione si è di molto incrementata nei quindi anni in cui Shazam è stato operativo. Se all’inizio era l’unica applicazione ad offrire un servizio simile, adesso che ci sono colossi come Apple e Google che hanno inserito funzionalità simili in iOS e Android la lotta è serrata.