galaxy note 7
Un nuovo caso: stavolta ne fa le spese un MacBook

Quando Samsung ha già ritirato oltre il 60 per cento dei terminali difettosi dagli Stati Uniti e nella Corea del Sud , quando sembra che dopo la tempesta arriva la quiete, un nuovo allarme fa capolino laconicamente dall’altra parte del mondo. Il proprietario di un Galaxy Note 7 ha riferito, infatti, che il suo device è esploso durante il trasporto.

Si chiama Hu Renjie il mal capitato possessore dell’Esplosivo Note 7. E lo aveva acquistato lo scorso weekend. Purtroppo, però, qualcosa deve essere andato storto poiché il dispositivo è esploso proprio mentre lo stava portando a casa, bruciandogli le dita e danneggiando il MacBook Pro che portava con sé.

Hu ha riferito che un rappresentante di Samsung gli ha fatto visita per fare “l’autopsia” del dispositivo, cercando le cause che hanno condotto all’esplosione. Ma il proprietario si è rifiutato di darglielo. Questo caso, quindi, non è ancora stato ufficialmente verificato e Samsung non ha rilasciato al momento alcun commento o dichiarazione in merito.

Questo, tuttavia, sembrerebbe essere il secondo telefono cinese di cui si ricevono cattive avventure dalla scorsa settimana, ovvero quando un altro utente ha raccontato che il suo Note 7 era esploso. In questo caso, sia il fornitore di batterie cinesi Amperex che la stessa Samsung avevano concluso che, a causa del calore esterno, si era verificato il problema. E, quindi non era un problema del telefono.

Samsung ha iniziato il 2 settembre la raccolta di oltre di 2,5 milioni di Galaxy Nota 7 in tutto il mondo, la maggior parte dei quali venduti negli Stati Uniti e in Corea del Sud. Dove, mentre si scrive, è in atto anche la restituzione di terminali non difettosi. E così, a seguire, in tutta Europa, dove già si è ritirato il 57 per cento dei dispositivi con batterie difettose.

Samsung ha rilasciato un aggiornamento per il suo Galaxy Note 7 che emette una notifica che avvisa di cambiare il telefono se ancora non lo si è fatto.