iMessage
iMessage di Apple sarà presto disponibile sui device Android grazie ad uno sviluppatore indipendente

iMessage, come ben sappiamo, è un servizio di messaggistica istantanea gratuito, sviluppato da “Apple, Inc.” per piattaforma iOS, macOS e watchOS. Dopo la smentita di alcuni mesi fa, circa un eventuale porting dell’applicativo sulla piattaforma Android, sembra che questo sarà reso a breve disponibile per tutti gli utenti, grazie ad uno sviluppatore indipendente desideroso di far provare tutte le funzionalità del servizio offerto dal gruppo della mela alla comunità del robottino verde.

L’importante notizia è arrivata tramite un video postato su YouTube dallo sviluppatore a carico del progetto. Nel filmato, inoltre, è possibile osservare l’installazione e l’utilizzo dell’app in questione su un computer dotato di “Remix OS“, l’emulatore Android più accurato esistente per PC desktop.

iMessage e Google Allo, si preannuncia una battaglia?

Ma l’arrivo di iMessage non è l’unica novità apparsa in questi giorni. Google, infatti, ha recentemente presentato il suo servizio di messaggistica istantanea “Allo“, che si preannuncia un ottimo rivale dello stesso WhatsApp. Da notare, come fin’ora l’unico vero concorrente dell’app comprata da Facebook nel 2014 sia stato solo ed esclusivamente iMessage, ma limitatamente al territorio iOS.

Ricordiamo, infine, che iMessage è e sarà per sempre un’esclusività Apple (secondo quanto affermato dalla stessa società), questo perché rappresenta una funzionalità valida ed efficace, in grado di affascinare i potenziali acquirenti di iPhone. Per questa ragione, dunque, occorrerà vedere le eventuali azioni legali che verranno intraprese dal gruppo in caso di utilizzo illecito del marchio, da parte dello sviluppatore indipendente o eventuali limitazioni del servizio ai soli apparecchi Apple certificati.

Fatto sta che l’app in questione potrebbe fare il suo ingresso in scena a partire dal 2017, su praticamente ogni sistema operativo disponibile sul mercato: Android, Linux, Windows, Windows Phone e perfino sul web tramite browser. Non ci resta che attendere per scoprire come evolverà la questione, stay tuned su Tecnoandroid.it!