riconoscimento facciale
Il riconoscimento facciale per il sesso online

Megacams.me, un sito noto come il “motore di ricerca del sesso online” ha appena presentato la sua ultima trovata: una funzione di ricerca che consente di caricare le immagini del proprio “amore” – o tipo ideale – per trovare la camgirl che sembra più assomigliargli.

Mettiamo da parte pregiudizi e sarcasmi. Il sito utilizza un software di riconoscimento facciale per fare match dei dati immessi (altro non sono che le nostre preferenze). “In questo modo”, spiega il sito porno, “ci si sente come se si stese facendo sesso reale con la persona nella vostra immagine”. In realtà, si sta semplicemente facendo sesso virtuale con qualcuno che potrebbe apparire come la persona dei vostri sogni.

Megacams non rivelerà quale software API di riconoscimento facciale sta utilizzando. Presumibilmente perché le aziende tecnologiche non vogliono essere associate con la pornografia. Mentre la società afferma che si tratta di un software di rilevamento del viso open source inizialmente sviluppata da Intel.

Questo software offre le prime 30 mila ricerche gratuitamente ogni mese; dopodichè il costo è di 1,50 dollari per ogni 1.000 ricerche. Probabilmente, se non si conosce questo API, Microsoft ha lanciato una serie di siti virali proprio per mostrarne il funzionamento. Questa tecnologia, però, non è molto affidabile. Tanto che, secondo alcune prove, pare che la migliore corrispondenza aveva solo una somiglianza del 47 per cento.

Detto questo, è risaputo che una tecnologia simile si sta insinuando in una serie di servizi che sperano di utilizzare la scansione biometrica per migliorare le proprie offerte. Facebook ha utilizzato il riconoscimento facciale per anni per l’auto-tag delle foto. E, questa settimana, anche Uber se ne è avvalso per una verifica ID in tempo reale e che richiede all’autista di caricare un selfie prima di iniziare a lavorare per confermare che la persona registrata all’applicazione sia la stessa della persona che guida per il servizio. Il programma della società utilizza orgogliosamente il Microsoft Cognitive Services per proteggere entrambi gli autisti.