Google
Il riconoscimento di immagini di Google ormai rasenta la perfezione assoluta!

Il sistema di riconoscimento fotografico di Google è in costante miglioramento fin dai tempi del suo rilascio e ha raggiunto ormai la soglia della perfezione. Questa mattina tramite un post sul blog di Google Research è arrivato l’annuncio del nuovo traguardo raggiunto dall’AI del sistema di Big G. La precisione dell’analisi delle immagini e della loro descrizione ha raggiunto il 94% di rating.


Probabilmente il miglioramento è avvenuto anche per merito dell’acquisizione dell’azienda francese Moodstocks avvenuto lo scorso luglio. Moodstocks si è specializzata nel corso del tempo proprio nel settore del riconoscimento delle immagini su smartphone e le API proprietarie che hanno sviluppato erano già molto valide.

caption4
Dopo l’assorbimento da parte di Google non ci stupiamo del miglioramento di Google Brain che ora riconosce il 94% delle immagini riuscendo a isolare i singoli elementi di ogni foto calcolando anche le variazioni cromatiche.

Il team di Google Brain aveva già sviluppato TensorFlow, algoritmo di compressione delle immagini estremamente efficiente, che ha contribuito in maniera sensibile al raggiungimento di questo traguardo. TensorFlow ha insegnato all’AI a riconoscere oggetti e situazioni sottoponendo all’algoritmo centinaia di migliaia di immagini descritte manualmente da persone reali, servendosi delle stesse come base per situazioni simili. Questa fase è stata denominata fine-tuning e il risultato è descritto nell’immagine qui sotto.

caption2b
L’AI adesso riesce a creare da zero nuove descrizioni molto accurate collegando gli elementi riconosciuti ed inserendoli in una frase dal senso logico molto preciso.

L’algoritmo TensorFlow è diventato recentemente open source e chi avesse le competenze necessaria al suo sfruttamento o volesse semplicemente curiosare, puoi trovarlo gratuitamente su GitHub.

caption3c