whatsapp
Un virus dilaga su WhatsApp

Un virus su WhatsApp? A quanto pare la notizia che circola sulla rete da alcuni giorni sarebbe fondata. E, certamente, non proprio rassicurante, visto che il virus in questione sarebbe in grado di “rapire” il nostro profilo.

Insomma, un rapimento vero e proprio se si considera che, se infettati, ci è impedita qualsiasi azione sulle nostre immagini e video. Dunque, è bene stare molto attenti. Ma cosa fare per evitare questo rischio?

Al momento, è bene evitare qualsiasi messaggio ci venga recapitato da qualsiasi numero a noi sconosciuto. Insomma, evitiamo di aprirlo o condividerlo (per evitare una rapida diffusione), ma cancellare subito il numero e bloccarlo.

Come sempre, si tratta di messaggi che vi annunciano una vincita o che, casualmente, vi ricordano di essere i fortunati del giorno. In genere, questi messaggi hanno anche un seguito di cosiddette catene di Sant’Antonio su altri social network, come Facebook o Twitter. Ad ogni modo, i messaggi sono pressapoco tutti uguali e recitano più o meno così:

Congratulazioni, il tuo numero di telefono +39XXXXXXXXXX è stato selezionato casualmente come dispositivo mobile fortunato di oggi1 Hai un premio non reclamato. Reclama il tuo premio ora!

La diffusione di questo messaggio è garantita se si fa parte di gruppi ai quali si è aderito dopo aver accettato l’invito: “Whatsapp ti ha aggiunto al gruppo WhatsApp”. Cadere nella trappola e accettare, magari allettati dalla promessa di un premio è molto facile e non richiede grossi dispendi di energie.

L’accettazione del premio, e dunque, del messaggio, garantisce il facile accesso ai nostri dati personali da parte di mani poco sicure e occhi troppo indiscreti. A WhatsApp si chiedono misure più sicure e provvedimenti in nome della difesa dell’utente. Cosa che ci si aspetta avverrà a breve. Tuttavia, il popolare servizio di messaggistica è bersaglio fin troppo succulento per molti malpensanti che vogliono carpire i nostri dati personali per scopi, purtroppo, spesso non proprio nobili. Ma decisamente pericolosi.