roaming
Addio al roaming a partire dal 15 giugno 2017!

La Commissione Europea ha confermato che a partire dal 15 giugno 2017 le tariffe roaming verranno abolite per sempre. Gli ultimi sviluppi indicano che salteranno anche i limiti di tempo. Ad affermare ciò è Guenther Oettinger, Commissario dell’agenda digitale.

UE: “NO al roaming e NO agli utenti “furbi”

Questa è già la seconda proposta riguardante l’abolizione del roaming. Nella prima proposta era previsto inizialmente un regime di “tariffe 0” per soli 90 giorni all’anno e per periodi non superiori a 30 giorni consecutivi. Questa formula, però, avrebbe soddisfatto soltanto un ristretto numero di utenti come i turisti e i vacanzieri, giusto per citare alcuni esempi.

La Commissione Europea, però, ha voluto tutelare anche le varie telco europee. Lo stesso Guenther Oettinger ha riferito che le società di telecomunicazioni “avranno gli strumenti giusti per poter contrastare gli abusi”. Infatti, il meccanismo di salvaguardia dei vari provider verrà basato sul principio di residenza e di legame stabile dei consumatori europei negli altri stati membri.

Nello specifico i gestori di telefonia potranno analizzare alcuni parametri per verificare eventuali abusi. Ecco alcuni di questi parametri:
• traffico nazionale quasi nullo rispetto al traffico roaming;
• lunga inattività di una carta SIM con un uso smodato in roaming;
• sottoscrizione di molteplici carte SIM mentre viene utilizzato il roaming.

La Commissione Europea, ha reso noto che soltanto in queste condizioni i gestori potranno applicare dei piccoli ricarichi ai clienti “indisciplinati”. Nello specifico i gestori potranno applicare alcune piccole “sanzioni”, come potete notare di seguito:
• 0,04 centesimi al minuto per ogni chiamata effettuata;
• 0,01 centesimi per ogni SMS inviato;
• 0,0085 centesimi per ogni MB utilizzato.