Pokémon Go
Pokémon Go, un utente inciampa in una piantagione di Marijuana mentre gioca

Pokémon Go continua a far parlare di sé, anche a distanza di più di due mesi dalla sua prima comparsa in rete. Questa volta protagonista del bizzarro fatto, avvenuto in una località di campagna in Austria, è stato un videogiocatore imbattutosi per puro caso in una piantagione di cannabis accuratamente nascosta dal suo coltivatore e proprietario.

Nella scorsa giornata di giovedì 15 settembre 2016, un giovane utente austriaco dell’ormai diffusissimo e famosissimo titolo videoludico mobile di Niantic e Nintendo, ha scoperto nei pressi di una zona rurale limitrofa alla sua città una coltivazione in piena regola di marijuana. La notizia arriva, per via ufficiale, direttamente dalle autorità di polizia del paese in cui è stata ambientata la strana vicenda.

Pokémon Go, la piantagione scoperta a causa del suo forte odore e per puro caso

La scoperta, inoltre, è avvenuta per puro caso. Infatti, il ragazzo-gicatore si è avventurato all’interno di un giardino nel comune di Weibern (alla ricerca di nuovi Pokémon), nel nord del Paese, quando ha percepito un « forte odore » di cannabis. Lo stesso giovane, ha poi immediatamente avvertito le forze di polizia, che in seguito ad un sopralluogo hanno arrestato un uomo di 50 anni, proprietario e coltivatore della piantagione illegale.

Leggi anche:  Pokémon GO, dal 20 novembre non funzionerà più su questi smartphone

Il caso appena descritto è solo l’ultimo delle decine e decine di situazioni bizzarre, particolari e pericolose, in cui gli utenti del videogame si sono venuti a trovare sin dalla sua prima comparsa. Nel bene e nel male, comunque, questo gioco continuerà a far parlare di sé ancora per molto tempo. Non ci resta, dunque, che continuare a seguire ogni bizzarria messa a disposizione dal web e comunicarvela nella maniera più tempestiva possibile. Per ulteriori informazioni e novità a riguardo continua a seguirci su Tecnoandroid.it. Stay tuned!