twitter
I 140 caratteri identificativi del social network fino ad oggi non sono mai stati effettivamente tali. I tag di risposta, immagini, gif e link allegati al proprio post hanno sempre fatto calare il conteggio dei caratteri digitabili.

Twitter annuncia che dalla prossima settimana il conteggio dei caratteri non terrà più in considerazione file multimediali allegati e tag di risposta. Sarà quindi possibile digitare effettivamente 140 caratteri testuali, a prescindere dal tipo di media inserito nel post.

I 140 caratteri di Twitter conteranno solamente la digitazione testuale

Twitter è spesso conosciuto con l’appellativo de “il social dei 140 caratteri” o simili, in quanto permette agli utenti di pubblicare post di lunghezza massima di 140 battiture. Questo non è però sempre vero. Infatti ogni volta che alleghiamo al nostro post un contenuto multimediale (foto, gif, video, link ad altre pagine) o un tag di risposta (nel formato @nome) il numero di caratteri digitabili cala.

Il social network ha però dichiarato che le cose cambieranno dalla prossima settimana e che i 140 caratteri saranno riferiti esclusivamente alla parte testuale del post, senza considerare alcun tipo di allegati multimediali.

twitter
Le 140 battiture sono un elemento costitutivo del social. Esortano infatti a scrivere post sintetici e di rapida lettura.

“Non trattenete il respiro perché il limite dei 140 caratteri continuerà ad esserci. Ciò che cambierà, però, è cosa questo limite conterà e cosa non conterà”, annunciano gli amministratori della piattaforma.

Nel dettaglio non verranno più conteggiate foto, video, gif, link, sondaggi, citazioni ad altri tweet e tag di risposta. E questo è un bene per la nostra espressività.