galaxy note
Con il Note 4 arriva l’alluminio, solo per la cornice, e il display QHD

Il Galaxy Note 4 è il vecchio flagship della serie Note di Samsung e sebbene ormai siano passate due generazioni (ed il Galaxy Note 7 non è proprio il successore meglio riuscito per via dei recenti problemi on le batteria) dal momento del suo rilascio può vantare ancora il supporto della community e soprattutto il supporto ufficiale da parte di Samsung.

Infatti in queste ore l’azienda Coreana ha iniziato il rilascio di un aggiornamento di sistema che include tra le altre cose la patch di sicurezza di Settembre per tutti i sistemi Android. L’update è destinato al mercato Europeo, quindi nelle prossime ore dovrebbe arrivare anche in Italia. La build che verrà installata è caratterizzata dalla versione del firmware N910FXXS1DPHB. Questa patch rilasciata direttamente da Google è stata implementata per risolvere i possibili bug del sistema operativo oltre che per eliminare le potenziali vulnerabilità.

L’aggiornamento inoltre, secondo le prime segnalazioni, includerebbe anche il nuovo servizio di cloud storage, chiamato Samsung Cloud. Grazie a questa applicazione sarà possibile gestire tutti i file caricati su altri servizi di cloud anche di terze parti come Dropbox, Google Drive e Microsoft OneDrive semplificandone lo spostamento ed il download, oltre che la verifica dello spazio a disposizione e il bloccaggio dei file e delle immagini tramite l’inserimento di una password

Leggi anche:  Samsung Galaxy Note 8: una mod alla camera permette riprese in QHD a 60FPS

Ricordiamo che l’update arriverà secondo un processo di rilascio a scaglioni, quindi se non comparirà immediatamente la notifica di aggiornamento non preoccupatevi. Potete provare a forzare l’aggiornamento recandovi nel menù Impostazioni del vostro dispositivo, cliccare sulla Info sul dispositivo e quindi su Ricerca aggiornamento. Se invece non volete aspettare, potete scaricare il firmware dal seguente indirizzo (versione tedesca) e seguire la nostra Guida per installarlo manualmente tramite Odin.