rimodulazioni Wind
Wind annuncia nuove rimodulazioni per i suoi clienti, entreranno in vigore dal 10 ottobre prossimo

In questi ultimi mesi abbiamo assistito ad un aumento vertiginoso delle variazioni contrattuali, meglio conosciute come rimodulazioni, da parte di Wind e di molti altri gestori. La telco arancione, ormai prossima al matrimonio con 3 Italia, ha reso noto che i piani “Super Senza Scatto” e “Wind al secondo” verranno rimodulati in Wind 2 Senza Scatto. Qualcosa di simile era accaduto già con il piano Wind 12 pochissimo tempo fa.

L’elenco delle rimodulazioni Wind è sempre più lungo . . .

La rimodulazione del gestore arancione verrà applicata dal prossimo 10 ottobre. Sono circa 30 i giorni che ci separano dall’entrata in vigore di queste variazioni contrattuali. Come prescritto dai termini di legge, il gestore sta informando con un mese di anticipo i clienti che sono interessati a queste nuove (ennesime) rimodulazioni. attraverso un SMS informativo. Ecco di seguito il testo completo del messaggio in questione:

A causa delle mutate condizioni di mercato, dal 10/10/2016 il suo piano tariffario cambia e diventa Wind 2 Senza Scatto. Le chiamate nazionali costeranno 16 cent/min (tariffazione a scatti anticipati di 30 secondi), gli SMS costeranno 12 cent. E’ previsto un costo di 2 euro ogni 30 giorni. Può recedere o passare ad altro operatore senza penali entro il 09/10/2016. Info wind.it

Per sfuggire agli effetti della rimodulazione, di cui parleremo nel dettaglio nel prossimo paragrafo, esiste soltanto una soluzione: esercitare entro e non oltre il 9 ottobre 2016 il diritto di recesso dal contratto o passare ad un altro operatore. Per far ciò è necessario inviare una comunicazione scritta a Wind entro il 9 ottobre prossimo. Ecco l’indirizzo in cui inviare la raccomandata A.R.:

Leggi anche:  Wind Home, nonostante i disservizi arrivano le nuove offerte

WIND Telecomunicazioni SpA – Servizio Disdette – Casella Postale 14155 – Ufficio Postale Milano 65 – 20152 Milano

Ora veniamo alle dolenti note . I clienti che rimarranno in Wind dovranno fare i conti con la nuova tariffazione prevista dal piano Wind 2 Senza Scatto. La tariffazione prevede un canone di 2 euro mensili, 16 centesimi al minuto per le chiamate verso tutti numeri fissi e mobili nazionali, 12 centesimi per gli SMS e le notifiche SMS, 60 centesimi per gli MMS (30 per gli MMS inviate ai numeri Wind) e 1 euro al minuto per le videochiamate (50 centesimi al minuto per le videochiamate verso i numeri Wind).