Samsung
Samsung ha brevettato un sistema in grado di far girare Android e Windows su uno smartphone

Samsung, in questa mattinata, ha ricevuto l’approvazione di un brevetto in grado di far girare Android e Windows Mobile sullo stesso smartphone. L’idea è estremamente interessante e potrebbe essere concretizzata in versione di prova su un futuro dispositivo del gruppo.

Spesso e volentieri ci siamo imbattuti nella tipica espressione “dual boot“, vale a dire “doppio avvio”. In altre parole, si tratta di un metodo capace di far scegliere all’utente se avviare su un dispositivo elettronico, solitamente un computer, un sistema operativo piuttosto che un altro. Questa proceduta/tecnica è stata fin’ora riservata quasi esclusivamente ai PC ed in alcuni rari casi a tablet o smartphone, per lo più cinesi.

Con la brevettazione, dunque, Samsung mira ad ampliare ancora una volta le proprie vendite ed offrire alla propria clientela una maggiore possibilità di scelta. In questo modo, quindi, sarà finalmente possibile mettere a confronto più accuratamente i due sistemi operativi mobile per effettuare una valutazione a livello di prestazione, stabilità e sicurezza.

Samsung, un brevetto valido per il momento solo in Corea

Purtroppo, però, attualmente il brevetto è stato approvato e depositato esclusivamente in Corea del Sud. Voci di corridoio, inoltre, parlano della possibilità di utilizzare i due sistemi operativi contemporaneamente sullo stesso dispositivo. Si, avete capito bene, non attraverso una semplice procedura di dual-boot, bensì tramite un meccanismo ancora non ben specificato capace di switchare da un OS all’altro con estrema facilità e senza spegnere il dispositivo.

Leggi anche:  Samsung Galaxy S9 e S9 Plus arriveranno con un mese di anticipo e Snapdragon 845
Samsung
Samsung, il brevetto offre una modalità multi-finestra tra i due sistemi operativi

Ma le immagini apparse in rete vanno ancora più lontano e mostrano la possibilità di utilizzare entrambi i sistemi attraverso un’apposita modalità multi-finestra. Sarà, dunque, possibile copiare file o testo da un SO all’altro, ma probabilmente esclusivamente tramite micro-sd. Infatti, Android e Windows utilizzano dei formati di archiviazione interna totalmente diversi ed incompatibili fra loro.

Non si conoscono ancora i progetti del colosso sud-coreano, tuttavia, pare difficile una commercializzazione di un dispositivo tanto rivoluzionario in tempo brevi. Per ulteriori novità ed informazioni sulla vicenda, continua a seguirci su Tecnoandroid.it. Stay tuned!