Il Samsung Galaxy Note 7 nelle tre colorazioni disponibili
Il Samsung Galaxy Note 7 nelle tre colorazioni disponibili

Una delle novità più apprezzate introdotte da Samsung nel nuovo Galaxy Note 7 è senza dubbio la certificazione IP68, che di fatto rende il phablet impermeabile fino ad una profondità di 1.5 metri per un massimo di 30 minuti e resistente ad urti e polvere. Per tale ragione, qualche temerario possessore del Note 7 si è avventurato in test particolarmente arditi, come quello che vi riportiamo all’interno di questo articolo.

Infatti, il noto canale YouTube GizmoSlip ha letteralmente congelato per 23 ore il Galaxy Note 7 mettendolo in un vero e proprio congelatore. Una prova di per se già estrema, che inevitabilmente mette a dura prova un dispositivo elettronico, seppur in possesso della certificazione IP68. Ma non è finita qui.

Una volta estratto dal congelatore, il Note 7 è stato lanciato da un’altezza di oltre 30 metri, resistendo tranquillamente all’urto senza alcun graffio. Non solo, ma una volta messo sotto carica, il phablet targato Samsung è ritornato a funzionare normalmente, come se nulla fosse accaduto.

Leggi anche:  Galaxy Note 9 è già in fase di progettazione, ecco la conferma di Samsung

Si tratta di una convincente prova di forza per questo Galaxy Note 7, che certifica ancora una volta l’eccellente maestria costruttiva raggiunta dall’azienda coreana. Vi ricordiamo infatti che Samsung ha introdotto per la prima volta la certificazione IP sui proprio terminali con il Galaxy S5, che però aveva mostrato diversi problemi nella tenuta dell’impermeabilità. Samsung ha però saputo imparare dai propri errori, reintroducendo la certificazione IP68 con i Galaxy S7 ed S7 Edge, che fin da subito non hanno “battuto ciglio” una volta immersi in acqua.

Insomma, il Galaxy Note 7 si conferma uno dei dispositivi più completi attualmente presenti sul mercato. Nelle prossime settimane pubblicheremo la nostra recensione completa, e potremo dirvi la nostra su questo attesissimo prodotto. Nel frattempo, vi lasciamo al video del congelamento.