Honor Truecaller
Huawei e Honor cercano di espandersi ancora di più verso il mercato occidentale integrando servizi che possano ridefinire l’esperienza d’uso degli utenti

Truecaller e Huawei hanno annunciato oggi una nuova partnership che porterà i servizi di Truecaller per il filtraggio dello spam e il riconoscimento dell’ID del chiamante su tutti i telefoni Huawei e Honor, a partire dal nuovo Honor 8.

Truecaller è un servizio molto apprezzato dagli utenti, che utilizza il crowdsourcing per compilare un database di numeri da identificare come spam, e sapere in anticipo l’identità del chiamante. Il servizio nasce per Blackberry per poi essere disponibile per Nokia; oggi è disponibile per Android, iOS e Windows.

Il partenariato con Huawei è sicuramente un’ottima occasione per la startup svedese, nonostante sembra non sia stata pattuita alcuna cifra per l’utilizzo del servizio.

Truecaller, grazie all’accordo, verrà installato su milioni di dispositivi Honor e Huawei in tutto il mondo

Semplicemente i nuovi telefoni Huawei e Honor integreranno la possibilità di identificare i numeri di telefono, bloccare le chiamate non volute e comunicare i numeri che vengono reputati spam.

Considerando che nello scorso anno Huawei ha venduto oltre 100 milioni di dispositivi, e che si sta ora espandendo sui mercati occidentali come ad esempio gli Stati Uniti con il debutto del suo Honor 8, è facile capire come questo accordo sia un’ottima occasione per Truecaller per portare i suoi servizi su milioni di dispositivi.

Leggi anche:  Huawei Nova 2S: incredibile schermo borderless e 6GB di RAM a bordo

Anche Samsung e Google conoscono bene l’importanza per gli utenti di essere protetti da chiamate indesiderate e spam. Ecco perché all’interno dei propri dispositivi essi hanno integrato dei servizi per contrastarli.

Samsung sul suo recente Galaxy Note 7 integra Hiya, un servizio di riconoscimento dell’ID chiamante che ha nel suo database complessivamente oltre 1,5 miliardi di numeri che possono rappresentare una minaccia di spam o scam per l’utente. Google sul suo dialer stock ha invece la funzione Caller ID, molto simile come funzionamento ai già citati servizi: il servizio è disponibile per tutti i dispositivi Nexus e Android One.

Non possiamo che essere entusiasti della scelta di Huawei/Honor per integrare Truecaller nei propri dispositivi. L’espansione verso altri mercati inizia anche dai servizi offerti, oltre che da prodotti di qualità e prezzi concorrenziali.

[pb-app-box pname=’com.truecaller’ name=’Truecaller-Identifica e blocca’ theme=’discover’ lang=’it’]