3 Italia
Ecco come sfuggire all’ennesima rimodulazione di 3 Italia

Per gli utenti 3 Italia (H3G), fino al prossimo 28 agosto, sarà possibile disattivare gratuitamente l’opzione del 4G che d’ora in poi costerà 1 euro al mese. Per procedere alla disattivazione del servizio, ed evitare così gli addebiti del 4G, è necessario seguire una procedura alquanto semplice.

Come disattivare il servizio

Per disattivare gratuitamente il 4G basta accedere all’Area Clienti 3 raggiungibile dal seguente link e seguire la procedura guidata (è possibile farlo anche dall’applicazione ufficiale del gestore). È possibile disattivare il 4G anche inviando un semplice SMS con scritto “NO” al 4139. Facendo ciò sarà possibile prenotare la disattivazione gratuita dell’opzione. La richiesta di disattivazione sarà presa in carico e successivamente confermata con un SMS dallo stesso gestore 3 Italia.

La disattivazione verrà attuata entro e non oltre il 15 ottobre, ma fino ad allora sarà possibile continuare a navigare sulla rete 4G LTE senza alcun addebito.

I dettagli della rimodulazione attuata da 3 Italia

Il gestore H3G ha già informato i propri utenti della rimodulazione in questione, inviando un SMS informativo contenente il seguente messaggio:

Leggi anche:  Tre, con la collaborazione di Compass smartphone scontati e rate a partire da 0€

“Variazione contrattuale dell’opzione 4G LTE: dal 29/08 il costo dell’opzione diventa 1€ al mese. Puoi disattivarla gratuitamente entro il 22/08. Info su tre.it/lte”

Dopo aver annunciato la rimodulazione alcune associazioni per la difesa dei diritti dei consumatori, come ad esempio l’Aduc, hanno espresso le proprie perplessità. L’Aduc, ad esempio, ha denunciato all’Antitrust perché considera una pratica scorretta la rimodulazione in questione: “La pratica commerciale viene chiamata ‘variazione contrattuale’ ma si tratta di una attivazione non richiesta, simile a quanto già accaduto con Vodafone Exclusive, Tim Prime e Wind Maxi”.

Vedremo se la rimodulazione in questione del 4G verrà considerata effettivamente una pratica commerciale scorretta dall’Antitrust, oppure no.