Google Progressive web apps
Avere tutto a portata di browser da qualsiasi sistema operativo è l’obbiettivo da tenere in mente se volete addentrarvi nel mondo delle Progressive Web Apps

Due nuovi strumenti vengono offerti da Google per gli sviluppatori, con l’obbiettivo di fornire servizi e app cross-piattaforma, accessibili da tutti i sistemi operativi: scopriamo insieme le WebAPKs e le Progressive Web Apps.

Durante il Google I/O abbiamo potuto saggiare le Instant App, un modo per portare servizi direttamente dal browser al nostro smartphone. Le Instant App hanno però la limitazione di essere disponibili solo per dispositivi Android.

Google sopperisce a questa mancanza con le Progressive Web Apps. Grazie ad esse saremo in grado di accedere alle app da qualsiasi (o quasi, Safari manca all’appello N.d.R.) browser e da qualsiasi sistema operativo.

Le Progressive Web Apps possono essere utilizzate da qualunque sistema operativo a patto di avere un browser che le supporti

Non c’è nessun trucco o inganno, semplicemente le PWA sono il modo migliore per gli sviluppatori per creare app che possano essere utilizzate indipendentemente dal sistema operativo utilizzato, sia esso Android o Windows o Linux.

Usando le PWA con Chrome ad esempio le app vengono caricate velocemente, possono mandare notifiche push (se supportate dal browser, come Chrome) ed essere aggiunte alla nostra homescreen come se fossero delle vere app. Tappando sull’icona esse si apriranno come app native, senza necessariamente aprire il browser.

Leggi anche:  AirDroid arriva su iOS per sincronizzare i device Apple con il PC

Le Progressive Web Apps su Android acquistano una flessibilità e una potenza maggiore, importandole direttamente come WebAPKs. Le WebAPKs sono dei contenitori per le PWA, con la possibilità di usufruire di più permessi ed integrandosi direttamente con il sistema operativo Android, garantendo un uso più razionale delle risorse utilizzate, il tutto senza accorgerci o quasi del fatto che non siano app native. Le WebAPKs si comportano infatti in tutto e per tutto come app normali, con la stessa interfaccia Material e funzionalità delle PWA.

Se avete Chrome dalla versione 47 in poi potete provare qui vari esempi di Progressive Web Apps. Se invece siete sviluppatori e voleste provare le nuove WebAPKs dovrete scaricare l’ultima build di Chromium.