facebook
Cane o gatto? Facebook ti dice quanto sei famoso

Facebook predilige di più i cani o i gatti? L’eterna lotta nella preferenza tra l’uno e l’altro non accenna a diminuire. Tanto che persino un algoritmo potrebbe essere in grado di farci capire chi è più social fra i rispettivi padroni.

Nello specifico, pare che gli amanti dei cani tendano ad essere più socievoli della controparte pelosa, ovvero quella dei gatti. Questi, infatti, sono per la maggior parte single ed inclini ad una certa tristezza.

Lo straordinario studio lo ha condotto un team di ricerca di Facebook. Questo ha utilizzato una serie di dati raccolti attraverso il popolare social media. Ne è emerso un ritratto del tutto speciale e, in qualche modo inedito e 2.0. Nella fattispecie, protagonisti di questo sondaggio sono stati i profili di 160 mila utenti e padroni di pelosetti a quattro zampe. Ovviamente in via del tutto anonima, la discriminante per “l’umano” essere un amante dei gatti o dei cani. E, quindi, la presenza o meno dell’uno o dell’altro sulla propria bacheca e in che misura.

I ricercatori hanno avuto modo di scoprire che, nel campione individuato, gli amanti dei cani possono contare una media di 26 amici Facebook in più. Tuttavia, di contro c’è da dire che vengono invitati a meno eventi. Al contrario, gli amanti dei gatti sono single, dicevamo, almeno nel 30% dei casi contro un 24% della preferenza canina. Mentre, per quanto riguarda le interazioni, i gattofili tendono a preferire una comunicazione con chi, allo stesso modo, ama i gatti.

Infine, è emerso che, attraverso il numero dei “Mi piace” alle pagine, gli amanti dei gatti preferiscono fare attività al chiuso e leggere. Tra i generi prediletti, fantascienza, fantasy e anime. I padroni o amanti dei cani, invece, preferiscono la tv e il cinema (nello specifico storie d’amore) e stare all’aperto. Ma questo sembrava quasi scontato.

La sezione “Umori”, però, sembra essere quella più indicativa. Gli amanti dei gatti, in base al numero di emoticon, preferisce e usa quelle che rispecchiano gli umori come “stanco”, “divertito”, “irritato”, “felice”, “triste”. Chi ama i cani preferisce, di contro, quelle che ritraggono uno spirito “entusiasta”, “orgoglioso” e “fortunato”.