Oracle
Oracle, vittima di un hackeraggio informatico

Oracle, società multinazionale famosa per essere una delle più importanti nel settore dei database ed in quello delle software house, è stata vittima di un pirataggio, destando la preoccupazione di milioni di utenti sparsi in tutto il mondo per via dell’ingente mole di dati personali e di conti correnti bancari in possesso dell’azienda.

L’annuncio è arrivato in un messaggio ufficiale dello stesso gruppo rivolto ad alcuni suoi clienti e nel quale è possibile leggere: « Abbiamo rilevato e risolto un codice maligno in alcuni sistemi legati a Micros. » Ricordiamo che le tecnologie Micros (Modular Integrated Cash Register Operating Systems), dal nome dell’azienda acquistata da Oracle nel 2014, sono utilizzate per effettuare transazioni economiche da più di 330.000 attività, in particolar modo catene di ristorazione o hotel.

Oracle, i soggetti interessati sono invitati a modificare immediatamente le loro password

Secondo lo specialista di sicurezza informatica americano Brian Krebs, al centro dello scandalo vi sarebbero centinaia di apparecchiature del gruppo e il portale online di supporto a clienti del servizio offerto. Con un avviso perentorio, la società con sede sociale a Redwood in California(Stati Uniti d’America), ha intimato i propri clienti a modificare il prima possibile le loro password per accedere al portale in questione. Tuttavia, sempre secondo quanto affermato dal gruppo, alcun altro servizio sarebbe stato compromesso e, dunque, non vi sarebbe alcun problema per la sicurezza degli utenti. Almeno così si spera.

Per quanto riguarda alle informazioni donate relative ai servizi di carte bancarie, però, l’azienda è stata piuttosto evasiva, affermando solamente che i loro servizi sono “cifrati” e senza donare ulteriori spiegazioni. Non sia hanno ancora informazioni certe sui chi ci sia all’origine dell’attacco, ma indiscrezioni rivelano si tratti di un gruppo di pirati informatici russi, specializzati proprio in hackeraggi di banche o servizi commerciali.

Con la speranza che la faccenda si risolva nel minor tempo possibile, vi invitiamo anche noi a cambiare la vostra password qualora siate clienti dei servizi offerti da Oracle. Per ulteriori info sulla vicenda, stay tuned su Tecnoandroid.it!