nanotecnologia
La nanotecnologia a servizio della lotta ai tumori

La scoperta del meccanismo di riparazione del DNA delle cellule danneggiate dai raggi UVA apre la prospettiva di progredire nella lotta contro il cancro. Lo afferma il Centro Nazionale Francese per la Ricerca Scientifica (CNRS).

Gli scienziati di diverse università hanno potuto per la prima volta avere accesso al complesso meccanismo di riparazione delle cellule e delle diverse proteine coinvolte nel processo. “La complessità di questo processo ha a lungo impedito ai ricercatori di comprendere quali meccanismi sono alla base” e vi agiscono, spiega il CNRS in un comunicato.

Per mezzo della nanotecnologia, un team di biologi e fisici è stato in grado di registrare in tempo reale gli enzimi coinvolti nel processo di riparazione del DNA danneggiato dai raggi ultravioletti. Il rapporto aggiunge che “quando il tumore è resistente alla radioterapia o alla chemioterapia, la cui funzione è quella di danneggiare il DNA delle cellule cancerogene, è perché le cellule hanno attivato il meccanismo di riparazione. La conoscenza di questi meccanismi può consentire nuovi sviluppi nello studio con l’obiettivo di inibire l’effetto di questi enzimi nel processo di riparazione chiave“.

Lavorare sul tempo potrebbe anche avere effetti sulla guarigione di alcune malattie batteriche come la tubercolosi, che impiega proteine molto simili per proliferare. La ricerca è stata condotta dagli scienziati dell’Istituto Jacques Monod (CNRS / Università Paris Diderot), l’Istituto di Biologia della ENS e l’Università della British Bristol.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nature.