Samsung Galaxy Note 7
Samsung Galaxy Note 7, ecco tutto quello che c’è da attendersi dalla conferenza di oggi

Samsung Galaxy Note 7, a pochissimi minuti dalla sua presentazione ufficiale, facciamo un riassunto completo di cosa ci si attende dal nuovo top di gamma della casa sud-coreana. Un modello su cui la società scommette moltissimo e che sembra esser destinato al successo dei suoi fratelli minori Samsung Galaxy S7 e Galaxy S7 Edge.

Comunque vada, il 2016 è un anno da incorniciare per Samsung, con le vendite ai massimi storici grazie ai suoi due flagship ed al comparto televisivo. Nonostante ciò, l’azienda ha tutta l’intenzione di ri-bissare il successo fin’ora ottenuto e, perché no, migliorarlo ancora.

Samsung Galaxy Note 7, cosa c’è da sapere

Già a partire dalla giornata di ieri si conosceva pressapoco tutto del nuovo top di gamma, che andrà a fare concorrenza al futuro iPhone 7 Plus, la cui ufficializzazione è prevista per settembre prossimo. In base alle indiscrezioni ed ai vari rumors, dunque, è possibile già delineare l’aspetto e le caratteristiche del nuovo terminale.

Secondo molti esperti, infatti, il device potrà essere considerato un Samsung Galaxy S7 Edge con uno schermo leggermente più grande, una nuova e rinnovata interfaccia TouchWiz, la S Pen e tutto il software ad essa collegato, direttamente indirizzato, però, ad un’utenza business e professionale.

Samsung Galaxy Note 7, le probabili caratteristiche tecniche

Per conoscere le vere caratteristiche tecniche occorrerà attendere ancora un’altra oretta all’incirca. Tuttavia, è possibile congetturare le stesse in base a cosa il pubblico si attende:

  • Tanto per cominciare ci attendiamo un display  da 5.7 pollici (come l’anno scorso) Super Amoled 4K (2560 x 1440 pixels). Con una qualità di neri e di colori in linea a quella strepitosa offerta da Galaxy S7 ed S7 Edge;
  • A livello di processore, ci si attende uno Snapdragon 820 octa-core con frequenza da 2.3 GHz;
  • La RAM prevista è di 4 GB, necessaria a gestire la nuova (e si spera ottimizzata) interfaccia TouchWiz;
  • Il sensore fotografico posteriore sarà da ben 12 MP e potrà usufruire di uno stabilizzatore ottico d’eccellenza ed un’apertura focale  f/1,7;
  • La fotocamera anteriore potrebbe essere da 5 MP (o qualcosina in più) e ci si aspetta che sia capace di offrire una migliorata qualità degli scatti, nonché la possibilità di regolare il filtro “bellezza viso” (come già previsto sugli smartphone Huawei);
  • La batteria sembra attestarsi intorno ai 3500 mAh, una scelta un po’ strana se paragonata a quella offerta da Galaxy S7 Edge (3600 mAh);
  • Infine, il device sarà il primo di casa Samsung a supportare il nuovo standard USB C.
Leggi anche:  Samsung Galaxy Note 8, recensione del miglior phablet in commercio

Per quanto concerne, invece, il sistema operativo all’inizio si era parlato della possibile presenza di Android 7.0 Nougat. Ma attualmente ciò sembra impossibile, perché contro la politica della stessa Google, sempre attenta a fornire dell’ultime novità la sua linea Nexus per prima. Con ogni probabilità, dunque, l’OS adottato sarà Android 6.0.1 Marshmallow, che sarà aggiornato ad Android 7.0 Nougat nel minor tempo possibile.

Ultima informazione mancante è quella relativa al prezzo, che dovrebbe attestarsi intorno agli 849 euro all’incirca e che dovrebbe far scatenare ancora una volta il dibattito pro Samsung o pro iPhone.

Attendiamo con ansia l’inizio dell’evento che avverrà tra circa un quarto d’ora. Voi cosa vi aspettate?