Telegram
Telegram, grossa falla di sicurezza scoperta su OS X

Telegram è ancora al centro di forti discussioni. Dopo le polemiche per l’utilizzo della chat da parte dei terroristi jihadisti, ora è finito sotto accusa a cause della falla critica di sicurezza scoperta da un ricercatore informatico, a cui lo stesso gruppo non ha intenzione di porre rimedio.

La piattaforma di messaggistica istantanea, arrivata sul mercato nel 2013, è da sempre molto utilizzato non solo per la qualità dei servizi offerti, ma anche e soprattutto per l’elevato grado di sicurezza in essa integrata. L’applicativo, infatti, fu il primo ad introdurre i tanti acclamati messaggi cifrati, aggiunti solo recentemente da WhatsApp.

Telegram, un problema nella funzionalità appunti del OS Apple

La falla critica è stata scoperta da un giovane ricercatore russo Kirill Firsov, che lavorando su Mac ha casualmente scoperto il bug, capace di registrare nel blocco “appunti” del sistema operativo tutti i messaggi scambiati tramite il servizio. Lo stesso Firsov, dunque, ha inviato un messaggio ad uno dei creatori della nota piattaforma: Pavel Durov. Quest’ultimo allora ha condiviso una serie di messaggi per far comprendere che questo tipo di falle sono più di una e riguardano esclusivamente l’OS Apple. Vale a dire che le falle sono causate non riguardano l’applicativo, bensì la gestione dei permessi dello stesso OS X.

Secondo Durov, infatti, tutte le applicazioni distribuite tramite lo l’AppStore hanno lo stesso tipo di problema. Le spiegazioni fornite dall’imprenditore, però, non hanno convinto il ricercatore informatico che ha postulato un’ipotesi raccapricciante: « Immaginate solo per un momento che la polizia sequestri il vostro computer portatile e trovi traccia dei vostri messaggi segreti nel sylog. »

La discussione tra i due non ha avuto più seguito. Tuttavia, il problema non sembra particolarmente preoccupante, specialmente per coloro i quali non hanno nulla da nascondere. Rimaniamo in attesa di ulteriori aggiornamenti sulla vicenda. Stay tuned su Tecnoandroid.it!