radiazioni-smartphone
Qual è il vero legame tra smartphone e cancro?

Il sospetto che l’uso del cellulare possa causare tumori e altri disturbi è in discussione da tempo. Suggerite con allarme sono state le possibili associazioni tra l’uso del telefono cellulare e altre malattie, tra cui gliomi maligni e meningiomi non maligni, i tumori al cervello e i neuromi acustici benigni, ovvero tumori che si sviluppano sul nervo principale che porta dall’orecchio interno al cervello.

Gli studi per cercare di trovare le prove di questo legame non ancora effettivamente appurato sono stati condotti in passato e alcuni sono in corso. Tuttavia, finora, gli esperti non sono totalmente d’accordo riguardo i risultati ottenuti. “Numerosi studi sono stati condotti con risultati contrastanti, ma il consenso generale è che la maggioranza non mostra prove convincenti di una correlazione tra uso del telefono cellulare e il cancro“, spiega Larry Junck, neurologo presso l’Università del Michigan ed esperto nel trattamento e nella ricerca gliomi. Tuttavia, aggiunge, alcuni studi mostrano “un accenno del barlume di rischio“, indicando come necessaria e giustificata la ricerca supplementare.

I telefoni cellulari emettono radiofrequenza (RF), una forma di radiazione elettromagnetica. Ci sono due tipi di radiazioni elettromagnetiche: ionizzanti o radiazioni che possono causare modifiche alla struttura molecolare, specialmente nel DNA, innescando mutazioni genetiche che influenzano la funzione e il metabolismo di una cellula; e le radiazioni non ionizzanti che hanno una energia più bassa ed è generalmente considerata meno dannosa, a meno che non vi sia una esposizione prolungata ad alti livelli. I telefoni cellulari emettono radiazioni non ionizzanti, così come i forni a microonde, i telefoni cordless, gli smart wearable e i dispositivi Wi-Fi.

La domanda fondamentale è: come possono le radiazioni non ionizzanti causare il cancro?“, spiega Jonathan Samet, presidente del Dipartimento di Medicina Preventiva presso la University of Southern California.

Le onde RF generate da telefoni cellulari sono prodotte dall’antenna situata nella parte posteriore del dispositivo. Quanto più vicino alla testa si trova l’antenna, maggiore è l’esposizione all’energia RF. Il tessuto del corpo più vicino al telefono assorbirà più energia e questa verrà assorbita, abbassandosi bruscamente all’aumentare della distanza. Ma molti fattori determinano la quantità di esposizione alle radiazioni, quali la quantità di tempo trascorso al telefono, la distanza di questo dalla testa, oltre quella dall’antenna e la quantità di energia utilizzata.

Il tasso di assorbimento specifico (SAR), la quantità di energia RF assorbita da un telefono cellulare nel corpo, varia a seconda del telefono e i produttori di telefonia sono tenuti a segnalare il livello massimo di SAR di un prodotto alla Federal Communications Commission (FCC), oltre ad elencarlo sui loro siti web e nel manuale d’uso del proprio device. Negli Stati Uniti, l’importo massimo consentito, sulla base di un telefono che opera alla sua massima potenza, è di 1,6 watt per chilogrammo di peso corporeo.

Gli studi sugli effetti dell’esposizione RF hanno avuto luogo in laboratori con animali, mentre altri hanno confrontato i tassi di cancro in gruppi di persone esposte ai telefoni cellulari e quelli non esposti, o tra gli utenti di telefonia cellulare con e senza tumore. Altri stanno seguendo un gran numero di persone da diversi anni per determinare se i rischi siano diversi tra chi fa usa o meno i telefoni cellulari. Ma molti esperti ritengono che sia troppo presto per giungere a conclusioni; gli effetti possono richiedere infatti molto tempo per manifestarsi.

Indipendentemente da questo, con il dottor Samet al timone, il gruppo di lavoro per l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha pubblicato un rapporto nel 2011, affermando che l’uso del cellulare può essere  “possibilmente cancerogeno per l’uomo.” Un grande studio internazionale ha mostrato un possibile legame tra l’uso del telefono cellulare e il rischio di glioma, anche se le prove non sono state conclusive.

I limiti dello studio sono ancora troppo numerosi per porre fine alla controversia. Le persone e il loro uso dei telefoni cellulari non sono stati seguiti per lunghi periodi di tempo sufficiente; la maggior parte degli studi si basa su ricordi dei partecipanti riguardo l’uso del dispositivo ed è noto come la telefonia mobile si stata introdotta negli ultimi 20 anni.

I bambini – che finiranno per mostrare i più alti tassi di utilizzo e che, secondo David Carpenter, direttore dell’Istituto per la Salute e l’Ambiente presso l’Università di Albany, possono essere più sensibili alle radiazioni – non sono stati inclusi negli studi. La linea di fondo è che la conferma degli effetti rari ma pericolosi richiede un gran numero di persone e che sia seguito per lunghi periodi di tempo con la raccolta di dati accurati. Fino a quando tali informazioni non saranno disponibili, i danni associati ai telefoni cellulari possono essere preoccupanti, ma rimangono speculativi.

Coloro che vogliono essere prudenti possono mantenere i telefoni più lontano dalla loro testa utilizzando auricolari; in sostituzione, si può con gli sms o inframmezzarli con le chiamate.

Sotto la advisement di Joel Moskowitz, direttore e ricercatore principale presso il Centro per la Famiglia e Community Health della University of California di Berkeley, la città stessa lo scorso anno ha adottato una legge sul “diritto di sapere” che impone ai rivenditori di comunicare ai clienti di leggere le informazioni sulla sicurezza.

Per rafforzare ciò che Moskowitz e colleghi considerano “effetti deleteri da telefono cellulare ed esposizione alle radiazioni wireless“, 216 altri scienziati coinvolti nella ricerca sui campi elettromagnetici e la biologia hanno recentemente firmato un appello internazionale, una petizione che chiede ai leader mondiali di adottare una più forte regolamentazione delle radiazioni wireless e di emettere avvertenze per la salute delle persone.