Facebook Messenger
Facebook Messenger ha finalmente raggiunto il miliardo di utenti attivi

Facebook Messenger è riuscita finalmente ha raggiungere un miliardo di persone che utilizzano l’applicativo almeno una volta per mese. Un successo scontato, visto e considerata l’impossibilità di comunicare su smartphone via Facebook in altra maniera.

Qualche tempo Mark Zuckerberg, uno dei cinque fondatori del noto social network blu, mise in luce come i sistemi di messaggistica istantanea fossero una delle poche cose ad essere più popolari degli stessi social network. Ed è per questo, dunque, che alcuni anni fa la nota piattaforma Facebook ha deciso di separare questa funzionalità sui dispositivi portatili quali smartphone e tablet.

Oggi a distanza di quasi due anni da tali affermazioni, i numeri dell’applicativo introdotto sono impressionati. Nell’ultimo post sul blog ufficiale della società, infatti, quest’ultima ha annunciato che Messenger ha raggiunto il miliardo di utenti attivi per mese ed ha conquistato la quota del 10% tra tutte le chiamate VOIP nell’intero globo.

Facebook Messenger, continui e costanti miglioramenti

Agli albori l’applicazione lanciata dall’azienda di Menlo Park, in California (Stati Uniti d’America), rappresentava una semplice alternativa al servizio di messaggistica integrata nella piattaforma. Ma ben presto le cose sono cambiate, a nostro pare in meglio (forse).

Leggi anche:  Facebook, nuova idea: presto su Android potrebbe arrivare l'app Bonfire

Nel corso della sua storia sono stati introdotte numerose e costanti novità, tra cui ricordiamo le chiamate vocali VOIP, le video-chiamate e le chiamate di gruppo o la possibilità per gli sviluppatori di creare dei bots, vale a dire delle piccole intelligenze artificiali capaci di interagire automaticamente con il pubblico.

Facebook, come tanti altri social network e sevizi di rete, è entrato di prepotenza nelle nostre vite e le ha cambiate radicalmente, stravolgendo il nostro modo di vivere. Il traguardo quest’oggi raggiunto è un’altra dimostrazione dell’importanza raggiunta. Perché si sa le innovazioni sono sempre ben accette e l’uso che se ne fa a costituire un problema.