il-team-di-charitystars

Il team di CharityStars, la piattaforma completamente italiana di aste di beneficenza online, ha raccolto un round complessivo di ben 2 milioni di euro. Questo traguardo è stato reso possibile grazie al Fondo 360Capital, che già aveva investito in passato sul progetto, la piattaforma FocusFuturo, di cui fa parte anche Stephan El Sharaawy, Fabio Cannavale, CEO di lastminute.com group, tramite la holding Shark Bites, Rancilio Cube e la storica azienda italiana Bolaffi.

Da quest’anno la piattaforma ha dato accesso anche ai privati cambiando completamente il livello di business. Con sede a Milano e uffici situati a Londra solo nei primi quattro mesi del 2016 ha subito una crescita del 120% rispetto al 2015 e proprio lo scorso anno CharityStars era riuscito a creare vendite online per ben 1,8 milioni di euro. Una cifra davvero interessante sulla quale veniva trattenuta una  fee media che si aggira intorno al 20% e che si potrebbe abbassare nei prossimi mesi.

Solo nel 2015 sono state realizzate delle aste davvero interessanti a partire dal pranzo, piazzato per 25mila euro, organizzato con il fondatore di Candy Crush Riccardo Zacconi fino ad arricare al casco di Valentino Rossi venduto a 15mila euro passando per maglietta di Messi con tanto di dedica al prezzo di 11mila euro.

«Siamo diventati un partner di riferimento per oltre 400 organizzazioni non-profit – dichiara Fusetti, già CEO di ScuolaZoo – a oggi ogni associazione di beneficenza organizza mediamente 10 aste all’anno sul nostro portale. Il nostro obiettivo primario è quello di arrivare a 2000 associazioni attive entro la fine del 2018 e raddoppiare la media di ogni singola vendita, che oggi è di circa 500 euro».

“Dopo il Regno Unito” specifica Fusetti “vogliamo iniziare ad aprirci al mercato Usa e cinese. Su quest’ultimo abbiamo già diverse migliaia di utenti che ci seguono costantemente e che sono diventati top spender. Abbiamo appena lanciato la versione cinese del sito e vogliamo investire in  campagne marketing mirate. Per noi si tratterebbe anche delle prime campagne di paid acquisition online, dato che finora abbiamo beneficiato gratuitamente delle promozioni fatte dai vip tramite i loro canali social».

Nel 2016 dovrebbero esserci tantissime novità tra cui il restyling del sito web e al lancio delle lotterie che permetteranno anche ai singoli privati di mettere in vendita le loro opere e cimeli per poi donare del ricavato in beneficenza.