occhi
Come comandare un OC con lo sguardo

Presto basterà un sguardo per “comandare” un computer. L’azienda Eyefluence sta sviluppando infatti un sistema in grado di permettere all’utente di navigare sul nostro PC solo con gli occhi. Non si tratta di fantascienza, ma nel 21esimo secolo controllare lo schermo del computer con nient’altro che i nostri occhi è qualcosa che si sapeva sarebbe diventato realtà.

Tra le più interessanti “trovate” in merito alla realtà aumentata, dotate di fotocamere che registrano quello che si sta vedendo e consentire, con un semplice movimento degli occhi, di acquistare in un negozio on-line o inviare una foto, questa è sicuramente un’altra novità che ci stupirà non poco.

Sulla base della biomeccanica e delle connessioni occhio-cervello, Eyefluence sta lavorando ad una tecnologia di scansione e eye tracking per eseguire qualsiasi azione in un ambiente virtuale, tutte eseguite con la vista. L’interazione si ottiene con l’aggiunta di una telecamera all’esterno, che cattura le immagini che l’utente sta visualizzando, e altre due all’interno, che con il movimento dell’occhio consente il controllo. Il software confronta le immagini che riflettono le due camere interne ed esterne ed è capace di sapere esattamente dove e cosa si sta cercando.

Leggi anche:  Huawei conferma il lancio dello smartphone con realtà aumentata

I creatori di Eyefluence sostengono che diverse grandi aziende sono molto interessate ad utilizzare la tecnologia nel medio termine, in modo che questo possa essere sul mercato prima del previsto. Questa tecnologia, infatti, potrebbe essere utilizzata in una vasta gamma di applicazioni, fino per esempio ad inviare foto agli amici con il solo movimento di un dito. E questo perchè il movimento delle mani, prima di essere tale, è un pensiero.

Il segreto sta nella biomeccanica. Secondo il team, l’interfaccia utente è soggetta alla connessione occhio-cervello. “La nostra prima direttiva è quella di lasciare che gli occhi semplicemente facciano gli occhi, appunto“, ha detto uno dei portavoce dell’azienda. “Noi non li costringeremo a fare cose strane. Abbiamo sviluppato un’intera interfaccia utente simile a quello che gli occhi fanno naturalmente, ottenendo risultati velocemente e senza fatica. E facile da imparare“, aggiunge.