meteorologia
Smartphone e colpi di calore, tenerli al riparo dal Sole

Non solo bambini ed anziani, anche gli smartphone non vanno portati fuori nelle ore più calde. Le condizioni meteo possono condizionare l’efficienza dei gadget tecnologici fino a portarli alla rottura in condizioni estreme, condizioni che nel nostro Paese sono quasi la normalità.

Con la bella stagione arrivano caldo, afa e Sole, tanto Sole. Ma arrivano anche le giornate al mare e, come sempre, teniamo ben stretti a noi il gadget che preferiamo in assoluto. I dispositivi mobili non sono dotati di sistemi di raffreddamento e l’aumento della temperatura è uno dei fattori che ne determinano il cattivo funzionamento che può arrivare persino alla rottura del display e delle componenti interne.

L’allarme meteo. I meteorologi stanno lanciando l’allarme in queste ore, a partire da lunedì il caldo e l’afa saranno opprimenti con temperature che in alcune zone d’Italia raggiungeranno i 40°C, in particolare al Sud, con punte di 35°C al Nord. Il corpo umano è dotato di un sistema di raffreddamento, si suda e la temperatura corporea scende, mentre gli smartphone ne sono sprovvisti.

Il cane che si morde la coda. Gli smartphone soffrono il caldo e vanno protetti dalle alte temperature esterne che determinano un aumento di quelle dei componenti interni. Uno dei maggiori inconvenienti dei dispositivi mobili è l’assenza di sistemi di raffreddamento che possano dissipare il calore generato dal funzionamento delle varie parti elettroniche: dalla CPU, alla GPU, alla rete dati, WiFi, batteria. Maggiore è la temperatura, maggiore sarà il consumo di batteria, maggiore il surriscaldamento della CPU che a sua volta richiederà maggiore energia per funzionare consumando ancora più batteria.

Il display è uno dei componenti che risente maggiormente del caldo sia esterno che derivante dai componenti interni. Se tenuto al Sole si può deformare e può avvenire lo scoppio dei pixel. Dunque, non solo bambini ed anziani vanno tenuti a casa nelle ore più calde, anche i nostri amati smartphone. Mai e poi mai lasciarli in auto oppure in spiaggia sotto il Sole rovente.

Colpo di calore, come comportarsi. Cosa fare e che misure adottare in caso il dispositivo mobile, per un qualunque motivo, sia diventato rovente. La prima cosa da fare in assoluto è spegnerlo, se possibile rimuovere la cover e la batteria in modo che si possa disperdere più facilmente il calore. Il secondo passo da seguire è quello di metterlo all’ombra e poi attendere che si raffreddi, non utilizzare sistemi di raffreddamento fai da te come posizionarlo sulla bocchetta dell’aria condizionata o addirittura riporlo in frigorifero.

Se si notano rallentamenti e un aumento di calore, senza arrivare a temperature estreme, si può provare a chiudere le app che utilizzano più dati, spegnere il WiFi e la connessione per poi riattivare il tutto quando lo smartphone ha raggiunto una temperatura ottimale. Anche il freddo eccessivo può comportare problemi, ma di questo parleremo a tempo debito.