Free Mobile
Free Mobile: l’accordo raggiunto con Wind e 3 Italia potrebbe significare la “fine” di molti operatori virtuali

Adesso è ufficiale: Free Mobile, ha acquistato le frequenze messe a disposizione dai gestori Wind e H3G. Iliad (gruppo proprietario del gestore Free) ha raggiunto lo storico accordo con Hutchison (gruppo proprietario di H3G) e Vimplecom (gruppo proprietario di Wind). Secondo alcuni questo accordo potrebbe costituire una vera e propria minaccia per tutti gli operatori virtuali attualmente operanti nel nostro Paese.

Alla base del contratto che Iliad ha stipulato con i gruppo proprietari di Wind e H3G c’è un investimento di circa un miliardo e mezzo di euro. Il contratto con Vimplecom e Hutchison prevede il trasferimento di un ampio portafoglio di frequenza (35 Mhz) nelle bande 900, 1800, 2100 e 2600 Mhz. In questo modo l’operatore francese potrà garantire la presenza dei servizi 3G e 4G/LTE ai futuri clienti italiani.

Nel contratto firmato da Wind, H3G e Free Mobile è previsto un accordo di roaming per un periodo di cinque anni. Questo accordo potrà essere ulteriormente prorogato per altri cinque anni. L’accordo in questione garantirà ai futuri clienti del gestore francese una copertura totale in Italia.

Free Mobile “spaventa” molti operatori virtuali

Come dicevamo all’inizio dell’articolo, molti operatori virtuali potrebbero temere l’entrata di questo nuovo operatore nel mercato italiano. Per quale ragione? Un analista esperto in telecomunicazioni ha affermato: “Con le sue offerte a 2 euro al momento del lancio nella telefonia mobile in Francia, l’operatore ha praticamente ucciso il mercato, lasciando solo le briciole per gli operatori etnici. Si può immaginare lo stesso scenario anche in Italia.”

Non ci resta che attendere l’ingresso di Free Mobile in Italia per vedere con i nostri occhi quale saranno gli effetti sul mercato e quale sarà la reazione degli altri operatori virtuali, Fastweb in primis.